Trading online testimonianze: chi perde e chi guadagna

Se cerchiamo su Google Trading Online Testimonianze ci troviamo di fronte ad una situazione schizofrenica: ci sono trader che dicono tutto il bene possibile del trader e altri che invece lo considerano una vera e propria truffa, un modo sicuro per perdere il proprio denaro.

Dove sta la verità? Per prima cosa, sappiamo benissimo che il trading online non è una truffa anche se le truffe ci sono e ne parleremo approfonditamente. Il trading online è un investimento redditizio che può generare profitti veramente elevati a patto però di utilizzare gli strumenti giusti, di impegnarsi e di studiare.

In questo articolo mettiamo in evidenza alcuni aspetti fondamentali partendo proprio dall’analisi delle testimonianze dei trader, positive o negative, e parleremo di:

  • truffe legate al trading
  • storie di trader perdenti ed errori comuni
  • esempi di trader vincenti

Come avrai modo di vedere, a fare da filo conduttore ci sarà la scelta della piattaforma giusta. Nel trading, infatti, non sono solo le competenze ad essere determinanti ma anche i mezzi. Ecco perché c’è differenza tra scegliere eToro, ad esempio, piuttosto che un’altra piattaforma non regolamentata.

Cerchiamo di capire più nel dettaglio cosa significhi.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: obrinvest
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    75,80% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capital
    Deposito Minimo: 20€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma Metatrader MT4
  • Decine di criptovalute
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Trading online testimonianze negative: le truffe

    Meglio partire subito dal peggio: le truffe. Leggendo le testimonianze sul trading online che si possono trovare su vari forum di trading o gruppi Facebook sembra che il trading online sia una truffa.

    Sappiamo bene che non è così: il trading online, anzi, può generare profitti molto elevati. Purtroppo però le truffe ci sono.

    La gente sa che con il trading si può guadagnare ma chi non ha un minimo di preparazione di base può arrivare a pensare che siano soldi facili. Questa convinzione è sfruttata dai truffatori (anzi, molto spesso è anche fomentata).

    Quali sono le truffe più comuni nel trading online?

    1. Broker non regolamentati
    2. Falsi sistemi automatici di trading che promettono soldi facili

    Broker non regolamentati

    Le testimonianze negative dei trader dimostrano chiaramente che la maggior parte delle persone che hanno problemi con i broker, operano con broker non regolamentati.

    Che cosa vuol dire che un broker è regolamentato? Significa che opera nel rispetto rigoroso del quadro normativo europeo che tutela gli investimenti. Le autorità competenti (CONSOB in Italia) vigilano sul rispetto di queste normative.

    Un broker regolamentato non può truffare i suoi clienti nemmeno volendo. Un broker non regolamentato, invece, non ha nessuno che lo controlla e in molti casi finisce proprio per rivelarsi una truffa.

    E’ facile difendersi da questo rischio: basta operare esclusivamente con broker regolamentati!

    Chi usa broker regolamentati non viene truffato e, nel caso in cui ci siano dei piccoli problemi, può sempre rivolgersi alla CONSOB che agisce immediatamente. Chi perde soldi con broker non regolamentati, invece, non ha alcuno strumento per recuperare i soldi persi.

    Falso trading automatico

    Un altro tipo piuttosto diffuso di testimonianze di trader che hanno perso soldi è relativo ai falsi sistemi di trading automatico.

    Ora, il trading automatico è una specie di sogno proibito per chi comincia a fare trading: alcuni principianti pensano che sia sufficiente metterci qualche soldo e aspettare il miracolo. Procedendo in questo modo non si diventa ricchi, anzi, si perde tutto quello che si investe.

    Ovviamente, il trading automatico esiste, funziona e può generare risultati spettacolari ma non possiamo dire che sia un modo per fare soldi facili.

    Facciamo un esempio concreto: la migliore piattaforma di trading automatico è eToro (funziona veramente).

    eToro funziona con un meccanismo peculiare: consente di individuare facilmente i migliori trader del mondo (massimo guadagno con minimo rischio) e di copiarli automaticamente.

    I principianti che usano eToro hanno così la possibilità di ottenere da subito gli stessi risultati dei migliori trader del mondo e possono anche imparare il trading, se vogliono.

    Puoi iscriverti gratis su eToro cliccando qui.

    Non è un caso che le testimonianze su eToro sono molto positive. Ma eToro non promette soldi facili (anzi addirittura avvisa dei rischi di trading) e infatti chi lo utilizza con successo deve dedicare tempo a selezionare i migliori trader da copiare e deve monitorare giorno dopo giorno i risultati ottenuti.

    Insomma, è richiesto un certo impegno e si devono sempre tenere sotto controllo i rischi. Chi invece cerca il miracolo dei soldi facili finisce sempre dritto nelle grinfie dei truffatori.

    Storie di trader perdenti

    L’analisi delle testimonianze di trading online ci porta dritti alla storia di trader perdenti. Che cosa fanno i trader che tipicamente perdono soldi? E quelli che invece riescono a guadagnare?

    In effetti, tutti sanno che ci sono persone che riescono a guadagnare con il trading online fin da subito mentre altri perdono denaro per anni. Qual è la differenza tra queste due categorie di persone?

    Errori più comuni

    Proviamo a fare una comparazione, basata sulle testimonianze dei trader che abbiamo analizzato:

    1. I trader perdenti pensano che il trading online sia un modo per fare soldi facili e quindi finiscono vittima di qualche truffatore (abbiamo già analizzato il caso) oppure si fanno prendere dal panic selling al primo piccolo contrattempo.
    2. I perdenti non dedicano tempo alla formazione, cercano trucchi di trading oppure (ancora peggio) studiano su corsi di trading di bassa qualità, con informazioni sbagliate o troppo teoriche. Per chi vuole imparare (per davvero) il trading online suggeriamo di iscriversi gratis a questo corso: si ha a disposizione un vero esperto di trading che fornisce una formazione personalizzata che parte dalle basi. E’ un corso che hanno già fatto migliaia di italiani e che ha dimostrato di essere davvero utilissimo.
    3. I trader perdenti pensano di essere già bravi, di sapere tutto e quindi non perdono tempo con le demo del trading online. In realtà le demo di trading non sono affatto una perdita di tempo e aiutano a fare esperienze di trading prima ancora di cominciare a operare con soldi veri (senza rischio quindi).
    4. I perdenti cercano informazioni sui forum e finiscono per seguire i consigli di trading di altri trader perdenti. I trader vincenti, quelli che guadagnano patrimoni con il trading online, non hanno tempo da perdere per litigare sui forum. I trader vincenti sono troppo occupati a guadagnare soldi…
    5. Ancora, i trader perdenti pagano commissioni: pagare commissioni di trading online è un gravissimo errore perché il capitale viene eroso in modo continuo. Questo errore è ancora più grave se si hanno a disposizione solo pochi soldi. Ecco perché consigliamo di utilizzare solo broker che non applicano commissioni (tutti quelli che abbiamo selezionato nel nostro elenco rispettano questa condizione).

    Rovinato dal trading

    Ci è capitato di leggere qualche testimonianza di trader che si dicono rovinati dal trading online. E’ possibile? Purtroppo sì, ci sono trader che si sono letteralmente rovinati con il trading online ma è una condizione che si può facilmente evitare.

    Per prima cosa, i migliori broker di solito offrono la possibilità di cominciare a fare trading con piccole somme, di solito comprese tra i 100 e i 250 euro ma ci sono casi di broker (come Iq Option) che consentono di cominciare con un investimento di appena 10 euro. E’ veramente impossibile rovinarsi con il trading investendo 10 euro (ma anche con 250 euro).

    Rovinati dai truffatori

    La maggior parte delle persone che si sono rovinate con il trading online hanno operato con broker non regolamentati. Questi broker mostrano agli inizi fortissimi guadagni (ovviamente falsi). Il trader principiante si fa entusiasmare da questi guadagni e ci mette sempre più soldi. Alcuni ci mettono tutti i loro soldi, fino all’ultimo centesimo. Altri chiedono addirittura dei prestiti per avere ancora più denaro da investire, nella speranza di guadagnare ancora di più.

    I guadagni (sempre falsi) sembrano crescere e arriva il momento in cui la vittima decide di prelevare tutto. E qui arriva la brutta sorpresa: è impossibile prelevare.

    Il broker, fino al giorno prima molto disponibile, diventa sfuggente. Non si riesce più a parlare al telefono. Il prelievo non si può fare. Se una situazione del genere succedesse con un broker regolamentato si potrebbe ricorrere immediatamente alla CONSOB e c’è persino un fondo di compensazione che copre i depositi fino a 20.000 euro (simile a quello delle banche).

    Ma se il broker non è regolamentato, allora non si può fare nulla. Tra l’altro in molti casi le vittime vengono truffate e anche beffate. Ci sono testimonianze di trading online che riportano questa abominevole pratica: la vittima che ha già perso soldi con un broker non regolamentato viene contattata e gli viene spiegato che può recuperare almeno parte dei soldi persi pagando una tassa o una commissione (di solito parecchie migliaia di euro). Ci sono trader che cadono nel tranello. Ovviamente nessuno recupera nulla…

    Money management

    Premesso che chi opera con broker non regolamentati è destinato sempre a perdere, che cosa possono fare coloro che invece hanno l’intelligenza di scegliere di operare con broker regolamentati?

    Per prima cosa, evitare di fare trading con somme elevate. La maggior parte dei broker regolamentati consente di cominciare con piccole somme, tra i 10 e i 250 euro.

    In secondo luogo, è fondamentale fare money management: in pratica, conviene suddividere il capitale destinato al trading in piccole quote e utilizzare solo una di queste quote su ogni operazione.

    In questo modo anche se un’operazione dovesse chiudersi in negativo, le eventuali perdite sarebbero più che compensate dai profitti generati dalle altre operazioni.

    Stop loss

    Chi opera con un broker regolamentato ha la possibilità di utilizzare gli stop loss su ogni operazione.

    Uno stop loss è l’indicazione al broker di chiudere l’operazione stessa qualora si raggiunga un certo livello di perdita. In pratica, con gli stop loss è possibile decidere qual è la perdita massima che si è disposti a correre su ogni singola operazione.

    Il trader che opera con broker regolamentati, usa il money management e ricorda sempre di impostare gli stop loss (su ogni operazione) non si può rovinare con il trading online.

    Al massimo, se è proprio inesperto, almeno all’inizio non guadagnerà molto (ma potrà sempre copiare i migliori con eToro).

    Attenzione: non tutti i broker regolamentati sono uguali. Non sempre lo stop loss è garantito. Solo i migliori broker market maker fanno scattare sempre gli stop loss, ecco perché è veramente importante scegliere bene il broker (e in questo articolo abbiamo recensito quelli che sono veramente i migliori broker consigliati).

    Ricapitolando, i casi più frequenti di testimonianze negative sul trading online sono:

    TestimonianzaCausa
    “Ho perso soldi per un errore della piattaforma e non posso recuperarli”Broker non regolamentato
    “Il mio deposito iniziale è sparito poco dopo averlo versato”Falso trading automatico
    “Il capitale è stato bruciato in men che non si dica”Mancanza di Money Management
    “Con il trading non si guadagna”Panic selling
    “Ho perso tutto per un investimento sbagliato”Mancanza di pratica e di studio

    Trading online testimonianze vincenti

    Fino a questo momento abbiamo analizzato soprattutto le testimonianze di trader perdenti o che addirittura si sono rovinati con il trading online.

    Che cosa possiamo dedurre invece dall’analisi delle esperienze di trading positive? Chi è riuscito a guadagnare con il trading opera sempre con broker regolamenti, questo è ovvio.

    Ma anche la psicologia del trading ha il peso. I trader principianti vincenti, ad esempio, sono umili. Sanno che fare trading è una sfida e quindi si mettono a studiare. Molti di questi trader seguono questo corso gratuito o altri corsi di analoga qualità.

    Inoltre, si esercitano a sufficienza con una piattaforma demo. Chi proprio sa di avere difficoltà, preferisce copiare su eToro per non rischiare di commettere errori. Chi copia su eToro non solo ottiene gli stessi risultati dei migliori trader del mondo ma può anche imparare osservando in diretta quello che fanno!

    I trader vincenti, tra l’altro, hanno un mindset dinamico e mettono il focus sull’apprendimento: anche quando copiano automaticamente su eToro o utilizzano altre forme di trading algoritmico, puntano a imparare quanto più possibile.

    Il perdente, invece, anche se magari ha la fortuna di arrivare a usare eToro, si limita a incassare i profitti che riesce a ottenere senza cercare di capire meglio il trading e il suo funzionamento.

    Esperienze di Trading Online

    Conclusioni

    Ci sono trader principianti che sono vincenti da subito e altri che sono condannati a perdere soldi. Analizzando le testimonianze di trading online, in questo articolo abbiamo capito quali sono i tratti distintivi dei trader perdenti (o che si rovinano con il trading) e come fanno i vincenti a guadagnare tanto.

    In ogni caso, è importante ricordare che il trading online non è mai un modo per fare soldi facili. I soldi facili non esistono, solo i truffatori parlano di soldi facili.

    Ci sono persone rovinate dal trading?

    Sì, bisogna stare attenti, nella maggior parte dei casi sono persone truffate da piattaforme di trading non autorizzate.

    Come ci si difende dalle truffe?

    Scegliendo solo piattaforme di trading autorizzate e regolamentate.

    I principianti possono avere esperienze di trading positive?

    Sì, ma oltre a scegliere una piattaforma ottimale ci devono mettere impegno e responsabilità. Il trading non è sinonimo di soldi facili.

    Perché il money management è così importante?

    Perché è fondamentale per controllare adeguatamente i rischi di trading.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]
    7 Commenti
    1. Pietro dice

      Io circa 2 anni fa ho provato a fare il trading on line con un broker di nome Cristian Rizzini,non so se perlomeno un broker regolamentato posso solo dire che alla fine mi ha causato una perdita di oltre € 1000,00, da pensionato che vive di pensione,non è una piccola somma.Questo tipo operava o opera con la piattaforma Royal Trade.

      1. Giovanni Sarti dice

        Salve, ci dispiace molto per la sua perdita. Purtroppo si trattava di un broker non regolamentato che operava in maniera illegale.

      2. Valentina dice

        Buongiorno,
        volevo solo informare che Cristian Rizzini, che dubito fortemente sia il suo vero nome, sta operando con NAB Europe Consulting. Consob mi ha già confermato la natura abusiva di Nab: che già fu oscurato una volta, ma che è tornato con un dominio diverso per continuare la truffa. Diffidate, se vi contattano fate subito la segnalazione a Consob. Se vi truffano, fate subito l’esposto. Se vogliamo fermare questi criminali, l’unica è dargli filo da torcere.

    2. Pietro dice

      Capisco,ma allora perché non divulgare i nomi di questi pseudo brokers non regolamentati?visto che sono dei poveretti che per vivere devono imbrogliare?

    3. Giovanni Sarti dice

      Salve, certo che li divulghiamo, scriviamo articoli per recensirli (negativamente) appena li scopriamo. In ogni caso sono tanti. Il modo per evitarli non è sapere i nomi ma sapere come individuarli, cosa molto più semplice.

    4. Enrico dice

      Buongiorno anch’io ho avuto un’esperienza negativa con Nabeurope.Il mio referente era un certo Albert Davies ed il suo capoprogetto come lo chiamava lui un certo Adam.Il problema è avvenuto quando la Consob ha bloccato il loro sito.Sono spariti irraggiungibili.Abbiamo fatto denuncia alla polizia postale ed ora vediamo se salta fuori qualcosa.

    5. Alulu dice

      Confermo.
      Cristian Rizzini è impegnato a fregare i clienti di NAB Europe Consulting.
      Io avrei seriamente bisogno di sapere di più in merito a questo individuo per poter proseguire x vie legali.Valentina ,per favore,hai magari qualche altra informazione da poter aggiungere se per te non è un problema farlo?
      Grazie in anticipo
      A presto

    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.