Ultimate magazine theme for WordPress.

Robinhood opinioni e recensioni: conviene? [2020]

0

Robinhood conviene davvero? Apparentemente la risposta è sì: dopo tutto la compagnia ha speso milioni di dollari in marketing per presentarsi come  paladina dei trader e nemica giurata delle banche e delle applicazioni di trading che applicano commissioni.

Addirittura il nome fa riferimento al famoso Robin Hood che rubava ai ricchi per distribuire poi il bottino ai poveri.

Ma come stanno le cose in realtà? Un’inchiesta della SEC e, purtroppo, un suicidio hanno messo in evidenza tutti i limiti del modello di Robinhood.

In questo articolo spieghiamo i pro e i contro di Robinhood. Per approfondire confrontiamo Robinhood con altre piattaforme di trading che non applicano commissioni e che hanno milioni di clienti.

Un esempio? La famosa eToro che consente addirittura di copiare automaticamente quello che fanno i trader migliori del mondo. In pratica, grazie a eToro, i principianti possono ottenere gli stessi risultati dei migliori trader del mondo e, se vogliono, possono anche imparare osservando in diretta quello che fanno i professionisti.

Puoi iscriverti gratis su eToro cliccando qui.

A che serve Robinhood

Robinhood è una piattaforma di trading che consente di operare senza il pagamento di commissioni fisse o variabili.

In pratica, con questa piattaforma è possibile comprare e vendere:

  1. Azioni
  2. Fondi
  3. Etf
  4. Opzioni
  5. Criptovalute
  6. Oro

A chi serve un’applicazione di trading che non applica commissioni? Soprattutto a chi ha un capitale molto piccolo da investire e infatti Robinhood si rivolge soprattutto ai principianti del trading.

Perché un principiante non può pagare commissioni? Confrontiamo Robinhood con Directa, piattaforma di trading molto popolare in Italia perché investe molto in marketing.

Ebbene, Directa applica una commissione fissa di 5 euro ad operazione. Se si inizia con 250 euro, si possono fare massimo 50 operazioni e poi l’intero capitale sarà bruciato. C’è da dire che almeno le commissioni di Directa sono trasparenti.

Ecco perché i principianti che iniziano a fare trading online con piccole somme non devono pagare commissioni e in teoria Robinhood potrebbe essere una soluzione.

Fractional Shares

Oltre alle commissioni di trading, c’è anche un altro problema che affligge chi vuole cominciare con un piccolo capitale: il costo di alcune azioni è molto elevato. Per comprare un’azione di Amazon (una singola azione) ci vogliono più di 3.000 dollari. Se inizi a fare trading con 250 euro, non te la puoi permettere.

Per questo motivo, Robinhood ha creato le Fractional Shares. Come dice il nome, si tratta di quote di azioni.

Per semplificare, Robinhood compra un’azione e la spezzetta in molte quote che poi rivende (con profitto) ai suoi clienti. In questo modo è possibile fare operazioni anche con un dollaro.

Si tratta, senza dubbio, di un grande vantaggio per coloro che non hanno un grande capitale da investire. Purtroppo c’è da dire che queste Fractional Shares sono uno strumento completamente illiquido e non possono essere trasferite.

Marginazione

Il secondo strumento che Robinhood mette a disposizione dei trader con piccoli capitali è la marginazione.

In teoria è un vantaggio ma deve essere usato con cautela estrema perché gli effetti di qualsiasi errore possono essere veramente catastrofici.

Che cos’è la marginazione? Si tratta di una pratica in cui il broker (in questo caso Robinhood) presta denaro al trader perché possa comprare titoli sul mercato.

Se l’operazione va bene, il trader incassa il capitale più il profitto e può quindi restituire il capitale ricevuto in prestito. Se va male, deve comunque restituire l’intero capitale ricevuto (e non ci sono sconti).

Robinhood non presta il 100% dell’importo necessario per un’operazione ma richiede che il trader investa direttamente con una quota. Questa quota è detta margine.

Il rischio della marginazione è alto, molto alto: se le cose vanno male ci si può ritrovare con un debito immenso che va comunque pagato.

Purtroppo a giugno 2020 un giovane di nome Alexander Kearns si è suicidato dopo aver perso più di 730.000 dollari in un’operazione sulle opzioni in marginazione fatta con Robinhood. La vicenda è resa ancora più crudele dalla scoperta che in realtà il giovane stava guadagnando con altre operazioni ma che non se ne era reso conto per la complessità dell’interfaccia di Robinhood.

In seguito a questo tragico evento, le autorità sono intervenute e hanno obbligato Robinhood a rendere più intuitiva l’interfaccia. Un certo numero di altri suicidi di trader di Robinhood sono sotto la lente di ingrandimento degli investigatori che non hanno ancora stabilito ufficialmente un legame con la piattaforma di trading.

Come guadagna Robinhood?

Se Robinhood non applica commissioni (e ha costruito tutto il suo marketing proprio su questo elemento) come fa a pagare le spese? Le transazioni sul mercato costano, anche se non le fa pagare ai clienti direttamente. E poi ci sono i costi del software, i costi operativi e i colossali investimenti in marketing che hanno consentito a questa piattaforma di gestire 20 miliardi di dollari con pochi anni di storia (è stata fondata nel 2013).

Robinhood guadagna da varie fonti: per prima cosa, ci sono operazioni che richiedono comunque il pagamento di commissioni. Basta leggere i termini e condizioni per scoprilo (ovviamente il 99% dei trader non li legge). Poi ci sono gli interessi: quando Robinhood presta soldi ai trader, incassa gli interessi.

Queste sono le fonti di ingresso dichiarate. Purtroppo però la fonte maggiore di ingressi di Robinhood è molto meno trasparente: la piattaforma guadagna (parecchio) vendendo le informazioni sulle operazioni fatte dai clienti a compagnie di trading ad alta frequenza che riescono ad eseguirle prima del cliente stesso.

Questa pratica è venuta alla luce per un’indagine della SEC (la CONSOB americana) e probabilmente comporterà il pagamento di una pesante multa da parte di Robinhood o una denuncia. Secondo gli inquirenti, le società a cui Robinhood vende i dati in modo non trasparente sarebbero Citadel Securities e Two Sigma Securities.

Ma perché la pratica è così dannosa per il cliente? Supponiamo che questi decida di acquistare un’azione e immetta il relativo ordine. L’azione quota 1 dollaro. Robinhood passa l’ordine alla compagnia di trading ad alta frequenza che acquista effettivamente l’azione ad un dollaro per rivenderla immediatamente a 1,01 dollari. Probabilmente l’acquirente di questa azione sarà lo stesso cliente di Robinhood che si troverà a pagare un prezzo più alto.

Alternative a Robinhood

Il fatto che Robinhood abbia una serie di problemi (li abbiamo introdotti ma li vedremo in dettaglio più avanti) non significa che il trading online sia da evitare, anzi.

Il trading, se fatto bene, può essere un investimento davvero molto redditizio. Come ben sanno coloro che sono riusciti ad avere successo, la differenza spesso la fa la piattaforma di trading online.

Proprio per questo motivo, abbiamo deciso di passare in rassegna alcune delle migliori alternative a Robinhood. Sono tutte piattaforme semplici da usare, sicure e affidabili.

Come guadagnano queste piattaforme? In modo trasparente: da una piccolissima differenza, detta spread, tra il prezzo a cui è possibile comprare e quello a cui è possibile vendere un titolo.

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    eToro

    eToro è effettivamente la migliore alternativa per chi vuole iniziare a fare trading online partendo realmente da zero.

    Oltre a essere una piattaforma sicura, affidabile e completamente gratuita, eToro offre una possibilità più unica che rara: quella di copiare, in modo completamente automatico, quello che fanno i migliori trader del mondo.

    eToro ha infatti sviluppato un software innovativo, il famoso Copytrader, che consente di individuare i trader che nel passato hanno ottenuto i profitti più elevati con rischi minimi.

    Questi trader possono essere selezionati per la copia dall’utente: sarà il software di eToro che si occuperà, in tempo reale, di eseguire nel conto dell’utente tutte le operazioni effettuate dai trader professionisti che sta copiando.

    Si tratta di una forma di trading automatico particolarmente efficace che consente a tutti di ottenere da subito gli stessi rendimenti di un trader professionista. Inoltre, chi copia ha anche la possibilità di imparare osservando quello che fanno i migliori e può persino interagire direttamente con loro.

    Puoi iscriverti gratis su eToro cliccando qui.

    ForexTB

    ForexTB è l’altra grande opzione per chi vuole cominciare a fare trading online senza commettere errori.

    La piattaforma è semplice da usare, senza commissioni e con la possibilità di farsi seguire al telefono, gratuitamente, da un vero esperto di trading.

    L’aiuto che questo esperto può dare è veramente prezioso (fa la differenza, letteralmente) e consigliamo a tutti di seguire alla lettera i consigli ricevuti.

    Se cercata un coach che vi guida nel trading, probabilmente lo pagherete come minimo 500 euro all’ora. Ed è molto probabile che sia anche un mezzo ciarlatano. Con ForexTB avete a disposizione un vero esperto ed è pure gratis. Nemmeno per la telefonata bisogna spendere, visto che chiama lui.

    Per chi vuole imparare a fondo il trading, c’è la possibilità di scaricare un ottimo corso, completamente gratuito.

    Il corso è prezioso perché spiega tutto quello che bisogna sapere per ottenere il successo con il trading senza prendersi rischi eccessivi.

    Il successo di questo corso è stato impressionante, è stato probabilmente uno dei libri di trading più scaricati in Italia negli ultimi mesi. Come mai? Perché è gratuito, è utile, è completo e soprattutto è facile da leggere anche per un principiante.

    Puoi scaricare gratis il libro di ForexTB cliccando qui.

    I vantaggi di ForexTB sono ancora tanti. Giusto per citarne almeno un altro, segnaliamo la disponibilità di una piattaforma demo gratuita e illimitata, particolarmente utile per fare esperienza prima di cominciare a fare trading con denaro reale.

    Puoi iscriverti gratis su ForexTB cliccando qui.

    Tutti i problemi di Robinhood

    Abbiamo presentato alcune alternative che funzionano davvero per chi vuole iniziare a fare trading online senza commettere errori e, ovviamente, senza pagare commissioni.

    L’idea di Robinhood di non far pagare le commissioni ai suoi utenti è ottima, pagare commissioni fisse è sempre sbagliato, ma ci sono alcuni elementi nella sua offerta che potrebbero danneggiare i trader, soprattutto i meno esperti. Ecco quali sono.

    Il trading non è una scommessa

    Uno dei più gravi problemi che si riscontra con Robinhood non è direttamente imputabile all’applicazione. Il fatto è che molti aspiranti trader che si iscrivono su Robinhood pensano che sia una specie di scommessa o di gioco.

    Questo tipo di approccio è molto pericoloso, per vari motivi:

    • Il trading non è complesso, ma se non si ha nessuna conoscenza di base è impossibile ottenere un risultato positivo. Un minimo di studio è sempre necessario.
    • Il trading richiede anche un minimo di esperienza, da accumulare con una piattaforma demo (che Robinhood non offre).
    • Se si opera con strumenti come la marginazione, le perdite di trading possono esplodere.

    Purtroppo Robinhood non ha mai fatto assolutamente nulla per limitare l’approccio della maggior parte dei suoi clienti, anzi probabilmente lo ha anche incentivato.

    Storie terribili come quella del giovane suicida Alexander Kearns nascono proprio da questo tipo di approccio al trading online.

    Le piattaforme più serie investono moltissimo per far capire al trader come funziona il trading e soprattutto per spiegare che non si tratta di una scommessa. Dovrebbe farlo anche Robinhood.

    La vendita dei dati dei clienti

    Nel paragrafo su Come guadagna Robinhood abbiamo già spiegato che la maggior parte degli introiti derivano proprio dalla vendita dei dati delle operazioni dei clienti a piattaforme di trading ad alta frequenza.

    Con questo meccanismo, i clienti pagano di più per le azioni: probabilmente sarebbe stato più conveniente per loro pagare direttamente le commissioni con qualche broker tradizionale.

    Le autorità USA sono intervenute: la FINRA (autorità di controllo finanziario indipendente) ha sanzionato Robinhood con una multa di più di 1 milione di dollari nel dicembre 2019. Anche la SEC sta indagando e si prevedono almeno altri 20 milioni di dollari di multa.

    Problemi di sicurezza

    In più occasioni gli hacker sono riusciti a penetrare le barriere di sicurezza di Robinhood e a svuotare i conti degli utenti. Nel 2020, secondo fonti ufficiali, le vittime di questi furti sarebbero state più di 2.000. Analisti indipendenti hanno fornito stime ancora più tragiche.

    Problemi tecnici

    Robinhood soffre di periodici problemi tecnici che mettono fuori uso alcune funzioni. In alcuni casi il blackout è stato totale. Particolarmente doloroso per i trader è stato quello del 2 marzo 2020, visto che è stato il giorno in cui il Dow Jones ha segnato il record di guadagno giornaliero: i trader di Robinhood erano impossibilitati a operare proprio nel giorno migliore di sempre!

    Sono in corso diversi procedimenti giudiziari con richieste di risarcimento molto elevate.

    Il suicido of Alexander E. Kearns

    Se fino a questo momento abbiamo parlato di pratiche scorrette, furti di hacker e malfunzionamenti tecnici, adesso siamo arrivati al punto più doloroso, anche dal punto di vista umano: il suicidio di un ragazzo ventenne.

    Nella sua lettera di addio, il giovane incolpava Robinhood del suo gesto per avergli consentito di prendere tanti rischi da accumulare un debito di 730.000 $ che non era in grado di pagare.

    A seguito della vicenda Robinhood ha promesso alcuni cambi ma non ha ancora fatto nulla di concreto.

    Robinhood

    Conclusioni

    Robinhood ha rivoluzionato, almeno in apparenza, il mondo del trading online: offre la possibilità anche ai principianti di fare trading senza pagare commissioni. Attualmente il servizio è disponibile solo in USA ma pare che presto sarà accessibile anche dall’Europa.

    Tuttavia, ci sono alcune ombre, come il modello di business poco trasparente, finito sotto indagine da parte della SEC.

    Inoltre, molte volte i trader di Robinhood finiscono per considerare il trading online come una sorta di gioco o scommessa e quindi perdono soldi, talvolta anche in modo catastrofico.

    Il trading online può essere un investimento veramente molto redditizio ma chi vuole operare senza errori deve selezionare accuratamente la piattaforma di trading e deve dedicare tempo allo studio e alla pratica.

    In questo articolo abbiamo presentato piattaforme di trading senza commissioni e con condizioni trasparenti, particolarmente indicate per i principianti come eToro e ForexTB.

     

    Che cos’è Robinhood?

    Un’applicazione di trading disponibile per Android, IoS, Apple Watch e Web,

    E’ possibile utilizzare Robinhood in Italia?

    Al momento no, è disponibile solo in USA. Presto dovrebbe essere disponibile anche in Italia.

    Come guadagna Robinhood se è gratuita?

    Prestando soldi ai suoi clienti e, soprattutto, rivendendo i dati delle loro operazioni (pratica più volte sanzionata dalle autorità competenti).

    Qual è la migliore alternativa a Robinhood?

    Probabilmente eToro che consente addirittura di copiare, in modo completamente automatico, quello che fanno i migliori trader del mondo.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.