Ultimate magazine theme for WordPress.

Plus500: opinioni e recensione

0

Ricevi aggiornamenti sui nuovi articoli in tempo reale, iscriviti gratuitamente adesso

Una guida dettagliata su uno dei migliori broker al mondo non può permettersi di tralasciare alcunché. Attraverso questa recensione di Plus500 ti mostreremo perché la piattaforma si classifica tra le migliori mai progettate.

In particolar modo andremo ad analizzare l’offerta della piattaforma, le tipologie di conto che possono essere aperte e quali sono i requisiti per ognuno di essi.

Ti forniremo un identikit complessivo del broker che ti metterà in grado di avere una idea chiara sia su cosa significa investire nel trading online su Plus500, sia su come farlo.

Visita qui il sito ufficiale di Plus500.

Plus500: un broker regolamentato

Esordiamo col dire che Plus500 è un broker ESMA, ovvero una piattaforma che obbedisce alle regolamentazioni del settore finanziario varate periodicamente dall’European Security and Markets Authority.

L’adesione alle regolamentazioni varate dall’ESMA, nel caso di Plus500, è accertata dalla CySEC, dalla FCA e dalla CONSOB.

La prima, autorità cipriota, ha autorizzato la Plus500CY LTD, con sede a Limassol, con la licenza n.250/14. La seconda, invece, severissima autorità britannica, ha autorizzato la Plus500UK LTD con il numero di registrazione 509909.

La CONSOB, autorità italiana, ha autorizzato il broker a operare in Italia con numero di registrazione 4161.

Oltre a queste autorità, valide per quel che riguarda il territorio dell’Unione Europea, Plus500 è registrata anche presso:

  • ASIC (autorità australiana), con licenza ASF n.417727;
  • FMA (autorità neozelandese), con licenza FSP n.486026;
  • FSCA (autorità sudafricana), con licenza n.47546;
  • Autorità Monetaria di Singapore, con licenza n.CMS100648-1;

La piattaforma di Plus500: WebTrader

La piattaforma che Plus500 impiega per il trading online è WebTrader: si tratta di una piattaforma che è disponibile sia in versione desktop che mobile.

Per coloro abituati, inoltre, a interfacciarsi maggiormente con smartphone e tablets piuttosto che con il PC, Plus500 è presente sia sul PlayStore che sull’AppleStore. L’applicazione per dispositivi mobili è soggetta a costanti aggiornamenti per rendere l’esperienza di trading più efficiente.

La piattaforma WebTrader fornisce esecuzioni di ordini veloci ed è comprovata essere esente da problemi tecnici come lo slippage o il requote. Questo significa che, a meno che non ci si stia appoggiando ad una connessione internet poco performante, le operazioni eseguite sulla piattaforma non subiranno ritardi.

WebTrader è disponibile sia per il conto reale che per l’account demo. In questo modo l’utente che farà pratica con la simulazione si troverà ad usare la stessa piattaforma per gli investimenti reali, ottimizzando il periodo di formazione.

Operare con Plus500: tipologie di conto

L’offerta di Plus500 si struttura su tre diverse tipologie di conto:

  • Account demo, una simulazione di trading gratuita ed illimitata;
  • Conto al dettaglio, per realizzare investimenti con denaro reale, partendo da un deposito minimo di 100€;
  • Conto professionale, per trader esperti, che presenta precisi requisiti di accesso;

Analizziamo nel dettaglio ciascuna offerta:

Account demo: è realmente illimitato?

L’account demo offerto dal Plus500 permette di operare su WebTrader avendo a disposizione un capitale virtuale di 40.000€. Ovviamente, trattandosi di un capitale virtuale, in alcun modo esso può incidere sulle reali finanze dell’utente.

Il suo scopo è permettere di fare pratica e permette di farlo senza limite alcuno. Anche nel caso in cui si esaurisse il capitale virtuale, la piattaforma provvederà automaticamente a rigenerarlo (se si scende sotto i 200€, la piattaforma ripristina in automatico i 40.000€ iniziali).

Per accedere all’account demo basta registrarsi con il proprio account Google, account Facebook, o semplicemente immettendo la propria e-mail e scegliendo una password. L’account demo è illimitato, ovvero non verrà chiuso né per inattività né allo scadere di un certo limite di tempo.

Si tratta, inoltre, di una simulazione che riflette in tutto e per tutto le quotazioni reali degli asset riportati. Contrariamente ad altri account demo, dunque, si tratta di una simulazione verosimile.

Unico dettaglio da tenere a mente riguarda la manutenzione del server: ogni 5 settimane, circa, il broker effettua una manutenzione dei propri server durante i quali le posizioni del conto demo (e solo del conto demo), vengono automaticamente chiuse.

Conto al dettaglio: principali caratteristiche

Il conto al dettaglio è la soluzione predefinita che Plus500 propone agli utenti che decidono di passare dalla simulazione all’operatività reale.

Si può aprire un conto al dettaglio depositando tramite:

  • Carta di credito, VISA o MasterCard, che prevedono un deposito minimo di 100€;
  • Bonifico bancario, con un deposito minimo di 500€. Plus500 copre le commissioni sul deposito che la banca potrebbe imporre, motivo per cui il minimo depositabile è maggiore rispetto alle altre modalità di deposito;
  • eWallets, Sofortuberweisung, MyBank, PayPal, con deposito minimo di 100€. Tra gli eWallets si rende disponibile anche Skrill, ma solo a partire dal secondo deposito;

Non sono previste commissioni sul trading a prescindere dallo Spread (del quale ci occuperemo nei prossimi paragrafi) e per operare si rende necessaria la copertura di un margine operativo.

Registrati gratis su Plus500 (deposito minimo 100€)

Conto professionale: i requisiti di accesso

Il conto professionale è una tipologia di conto dedicata esclusivamente agli investitori professionisti, ovvero a tutti coloro che soddisfano almeno due dei tre requisiti imposti da Plus500:

  • Aver realizzato almeno 10 transazioni a trimestre negli ultimi 4 trimestri, sia con Plus500 che con un altro broker. Ovviamente se con un’altra piattaforma, bisogna essere in grado di dimostrarlo;
  • Portafoglio di strumenti finanziari superiore a 500.000€. Non si tratta di una cifra che è necessario depositare ma che, invece, corrisponda al valore complessivo dei titoli e degli strumenti finanziari nel proprio portafogli finanziario;
  • Un anno di esperienza rilevante nel settore dei servizi finanziari. Ovvero un anno di impiego professionale nel settore che possa essere dimostrato;

Il trading professionistico ha requisiti di accesso così rigidi proprio in quanto gli utenti che accettano di essere riconosciuti come trader professionisti vanno a rinunciare ai propri diritti ICF (il Fondo di Compensazione per gli Investitori).

I trader professionisti possono accedere a condizioni di trading di livello superiore come, ad esempio, leve finanziarie maggiori, ma rinunciano alla compensazione nel caso di inadempienza del broker.

Conto al dettaglio: condizioni delle transazioni

Come abbiamo accennato, Plus500 è un broker ESMA, ovvero una piattaforma che applica le restrizioni ai principianti imposte dall’European Security and Markets Authority.

Questo significa che, andando ad aprire un conto al dettaglio si potrà operare con:

  • Leva finanziaria entro certi limiti:
    • Fino a 30:1 per coppie di valute principali;
    • Massimo 20:1 per coppie di valute secondarie, oro e indici principali;
    • Massimo 10:1 per materie prime diverse dall’oro e indici finanziari meno rilevanti;
    • Fino a 5:1 per azioni singole e valori di riferimento;
    • Massimo 2:1 per le criptovalute;
  • Chiusura operativa del margine, ovvero Plus500 chiuderà automaticamente una posizione aperta se il margine totale nell’account scende al di sotto del 50% del margine iniziale.

Con margine, specifichiamo, si intende un ammontare di denaro che viene congelato nel mentre la posizione è aperta, come garanzia del pagamento nel caso di esito negativo dell’investimento.

Operare senza un margine costringerebbe il trader a dover fronteggiare conti in negativo e debiti da saldare;

  • Protezione saldo negativo, ovvero Plus500, sempre grazie allo strumento del margine, impedirà al trader di operare se ciò significherebbe rischiare di avere un conto negativo. In questo modo si salvaguarda l’investitore dal rischio di finire, operando sconsideratamente, in debito con il broker;

Oltre alle condizioni di trading derivate dalle regolamentazioni dell’ESMA, chi opera con Plus500 fa trading a zero commissioni, con Spread su singola operazione. Lo Spread, fondamentalmente, è la forma di guadagno del broker.

Spread su Plus500: una piattaforma trasparente

Fare trading senza commissione non significa affatto che la piattaforma non riservi dei profitti per sé.

Fare trading senza commissione significa che all’utente non vengono addebitati costi eccessivi per ogni operazione. Costi che, specialmente se si considerano le cifre modeste dei depositi minimi e dei margini operativi, risulterebbero a dir poco spropositati, rendendo l’intero settore degli investimenti assolutamente poco conveniente.

A differenza delle commissioni, lo Spread comporta una trattenuta calcolata in pip, ovvero sulla base della quarta o quinta cifra decimale di ogni titolo (dipende sia dal tipo di operazione che di titolo). Lo Spread viene calcolato in base alla differenza tra prezzo di acquisto e di vendita dell’asset considerato al momento della realizzazione dell’operazione.

Se, ad esempio, la coppia EUR/USD presenta un prezzo di acquisto di 1,11412 e un prezzo di vendita di 1,11406, allora lo Spread dinamico sull’operazione corrisponderà a 6 pip, ovvero a 0,00006 unità.

Su Plus500 lo Spread più essere visualizzato cliccando sul pulsante “info”, nella descrizione dell’asset.

Un’altra particolare utilità del pulsante info sta nel presentare all’investitore tutte le informazioni significative che riguardano il titolo, come opinioni dei trader, statistiche dal vivo e eventi imminenti.

Inoltre, sempre nell’approfondimento proposto nelle info, sono riportati dati fondamentali come il margine iniziale, il margine di mantenimento e i dati relativi all’overnight, di cui parleremo tra poco.

Margine iniziale, di mantenimento su Plus500

Si tratta di dati fondamentali nel momento in cui si decide di passare da una operatività simulata a quella reale.

Il margine iniziale e di mantenimento costituiscono il margine richiesto, ovvero l’ammontare del capitale richiesto da Plus500 per operare sul titolo.

Seguendo l’esempio accennato in precedenza, della coppia EUR/USD, Plus500 permette di operare con leva 30:1 e una quantità unitaria di 1.000€. Questo significa che per aprire la posizione è necessario investire un capitale nominale di 1.000€. Con leva 30:1 questo si traduce in 33,3€ di investimento minimo (1000/30).

Il margine richiesto da Plus500, dunque, per aprire la posizione equivale al capitale da investire nell’operazione. In questo caso 33,3€. Plus500, in questo modo, si assicura che tu abbia a disposizione il denaro che stai investendo e che non ti stai indebitando con la piattaforma.

Aprendo la tendina delle info, inoltre, si apprende che il margine iniziale è del 3,33%, mentre il margine di mantenimento è del 1,67%. Il margine iniziale è la parte di margine sul quale hanno effetto le variazioni delle quotazioni.

Un margine iniziale del 3,33% significa che su una quantità unitaria di 1.000€, il trader dovrà disporre sul proprio conto del 3,33% del valore per poter operare. Il 3,33% di 1.000€ sono 33,3€.

Il margine di mantenimento, d’altro canto, indica la quantità di capitale necessaria sul conto a mantenere l’operazione aperta. In questo caso il margine di mantenimento è circa la metà del margine inziale, quindi per mantenere l’investimento su EUR/USD aperto, l’utente dovrà possedere sul conto almeno un capitale di 16,70€.

Se il capitale posseduto sul conto è inferiore, Plus500 fa partire la Margin Call, ovvero un avviso al cliente che, nel caso in cui non riuscisse a coprire il margine di mantenimento mediante un altro deposito e, nel caso in cui il titolo dovesse scendere ulteriormente, la piattaforma chiuderà immediatamente la posizione.

Overnight su Plus500

L’overnight è un’altra informazione preziosa che Plus500 comunica agli utenti nella tendina delle info circa un titolo. L’overnight è praticamente un finanziamento applicato dal broker allo scadere di una certa ora, che viene indicata.

Ad esempio, sulla coppia EUR/USD, l’ora di finanziamento overnight potrebbe essere le 21:00 secondo il proprio fuso orario. Allo scadere di quell’ora, nel caso in cui la posizione sia ancora aperta, verrà applicato un finanziamento in base al tipo di posizione.

Per esempio, per una posizione di acquisto, potrebbe essere previsto un finanziamento overnight negativo del -0,0110%, mentre per una posizione di vendita un overnight positivo dello 0,0011%.

Si tratta di finanziamenti minimi il cui scopo è quello di tener conto delle oscillazioni del titolo durante le ore notturne e che il broker versa o richiede al trader allo scadere dell’ora impostata. Non sempre è positivo così come non sempre è negativo.

Ovviamente è un fattore importante nella pianificazione di una propria strategia di investimenti, soprattutto in alcuni momenti della settimana, come nel week-end. Nel week-end, infatti, le Borse sono chiuse e, di conseguenza, dal venerdì al lunedì intercorrono 3 finanziamenti overnight.

Plus500: cosa ne pensano gli utenti

Plus500 è una piattaforma che nel tempo ha saputo conquistarsi una salda posizione di mercato: con oltre 304mila utenti attivi e volumi di trading di oltre 1.849 miliardi di euro, per un totale di più di 39 milioni di posizioni aperte.

Sono dati, questi, che ne testimoniano l’importanza nel settore. Importanza nel settore testimoniata anche dal contratto di sponsorizzazione con l’Atletico Madrid: il logo di Plus500 è visibile dal 2015 sul fronte delle maglie degli atleti del Wanda Metropolitano ed è una delle migliori prove di affidabilità che un broker possa mai fornire ai suoi utenti.

Nessuna società serie, riconosciuta come una delle più importanti nel panorama calcistico europeo e quindi mondiale, infatti, firmerebbe mai un contratto di sponsorizzazione con una compagnia che non ne rispecchi la buona fede e l’impegno aziendale.

A completare la buona fama di cui gode Plus500 vi sono le tante opinioni e recensioni degli utenti che circolano nei canali informativi del settore: dai forum ai siti divulgativi per quanto riguarda il trading online, sul broker circolano prevalentemente opinioni positive.

Per quanto riguarda, invece, le poche opinioni negative, l’impressione principale che si ha nel leggerle e che siano state scritte da utenti in preda al risentimento, dopo aver perso il proprio capitale per ignoranza delle dinamiche del settore.

In conclusione

In conclusione, abbiamo avuto modo di constatare in questa guida come Plus500 non sia solo un broker affidabile, regolamentato dalle principali autorità del settore.

La piattaforma, infatti, mette al primo posto anche la trasparenza circa tutti i dettagli che riguardano l’operatività, come margini richiesti, leva finanziaria, finanziamenti overnight e informazioni circa le tipologie di account sottoscrivibili.

A ciò si aggiunge un servizio di assistenza clienti veramente efficiente, capace di risolvere nell’arco di pochi minuti qualsiasi dubbio possa sorgere.

In poche parole, una piattaforma che merita a pieno titolo la propria candidatura tra le migliori attualmente disponibili sul mercato.

Il nostro voto
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Ricevi aggiornamenti sui nuovi articoli in tempo reale, iscriviti gratuitamente adesso

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.