Petrolio Brent: Cos’è e qual è la differenza con il WTI?

Il petrolio Brent è uno dei principali indicatori globali per il prezzo del petrolio greggio e svolge un ruolo cruciale nell’economia mondiale. In questa guida, esploreremo in dettaglio l’origine, la qualità, e i fattori che influenzano il suo prezzo, oltre a confrontarlo con il petrolio WTI.

Approfondiremo le implicazioni economiche, geopolitiche e ambientali legate al petrolio Brent, fornendo un quadro completo per investitori, operatori e chiunque sia interessato al mondo dell’energia. Ma soprattutto, vedremo come investire in questa materia prima, argomento di cui ti diamo una piccola anticipazione qui di seguito…

SUGGERIMENTO INIZIALE – Come investire sul petrolio Brent?

L’investimento sul petrolio Brent, ad oggi, è molto semplice e possibile anche con piccoli capitali e sfruttando semplicemente la variazione del suo prezzo. Il tutto grazie alle migliori piattaforme di trading.

Tra queste, eToro è certamente quella che offre le migliori condizioni di investimento, oltre che a spread competitivi. Qui si può perfino copiare operazioni di altri trader, realizzando i loro stessi risultati, in modo proporzionale al capitale investito su di loro. Il tutto, a partire da soli 50 euro di deposito minimo iniziale.

Clicca qui per fare investire sul petrolio con eToro

Investire in petrolio Brent – riepilogo:

❓ Cos’è: Speculazione sul prezzo del petrolio
👨‍🏫 Come si fa: CFD
👥 Chi può farlo: Tutti
📍 Dove farlo: eToro è il miglior broker
💶 Capitale per iniziare: 50 €

Cos’è il petrolio Brent?

Il petrolio Brent è un tipo di petrolio greggio estratto principalmente nel Mar del Nord. È uno dei principali punti di riferimento per il prezzo internazionale del petrolio ed è utilizzato per stabilire il valore di molti contratti petroliferi in tutto il mondo. Il suo nome deriva dal campo petrolifero di Brent, situato al largo delle coste della Scozia. Questo tipo di petrolio è noto per la sua alta qualità e basso contenuto di zolfo, ed è ampiamente scambiato nei mercati internazionali.

Come investire nel petrolio Brent?

Comprare barili di petrolio Brent significa acquistare contratti futures o petrolio fisico con l’intenzione di trarre profitto dalla sua futura vendita o utilizzo. Tuttavia, questa operazione comporta rischi, come la necessità di archiviare fisicamente il petrolio in caso di acquisto di barili, il che richiede infrastrutture e costi aggiuntivi. Per questo non è una soluzione consigliata.

Se si vuole investire, quindi, in modo immediato sul petrolio Brent, la migliore soluzione sono i CFD, o Contratti per Differenza (Contracts for Difference), ovvero strumenti finanziari derivati che consentono agli investitori di trarre profitto dalla variazione dei prezzi di una vasta gamma di asset sottostanti, tra cui azioni, indici, valute e materie prime come il petrolio Brent.

L’investimento in CFD non implica la proprietà fisica dell’asset sottostante, ma piuttosto un accordo tra l’investitore e il broker online per scambiare la differenza tra il prezzo di apertura e il prezzo di chiusura dell’asset.

Questi strumenti sono particolarmente adatti per il trading di commodities e si trovano sui broker online. Per iniziare ad investire sul petrolio Brent, ti basterà seguire questi semplici step: 

  1. Scegli un broker online affidabile: Inizia selezionando un broker online affidabile e regolamentato che offra la possibilità di negoziare CFD sul petrolio Brent. eToro è perfetto per realizzare questa operazione. 
  2. Apri un conto di trading: Questo potrebbe richiedere la compilazione di moduli e la fornitura di documenti di verifica dell’identità.
  3. Deposita fondi: Deposita i fondi nel tuo conto di trading utilizzando il metodo di pagamento accettato dal broker.
  4. Analisi di mercato: Prima di iniziare a negoziare, effettua un’analisi del mercato per comprendere le tendenze e i fattori che influenzano il prezzo del Brent.
  5. Apri una posizione: Una volta pronti, accedi alla piattaforma di trading del broker e cerca il Brent tra gli asset disponibili. Scegli se aprire una posizione “long” (quando si prevede un aumento del prezzo) o “short” (quando si prevede una diminuzione del prezzo).

Clicca qui per iniziare ad investire nel petrolio Brent

Esistono altre alternative per investire nel petrolio Brent? Certamente, vediamole qui di seguito:

Futures

Questo è il secondo metodo più utilizzato per investire nel petrolio Brent. I futures sul petrolio Brent sono contratti finanziari che consentono agli investitori di speculare sull’andamento futuro dei prezzi del Brent. Questi contratti futures stabiliscono un accordo tra le parti per acquistare o vendere una quantità specifica di petrolio a un prezzo predeterminato in una data futura. 

Azioni

In questo caso, ci si riferisce alle azioni delle società petrolifere che operano nell’industria del greggio e che estraggono, producono o forniscono servizi relativi al petrolio Brent. Queste aziende possono includere grandi compagnie petrolifere come BP, Royal Dutch Shell, ExxonMobil, TotalEnergies, e altre società connesse all’estrazione, alla raffinazione o alla distribuzione di petrolio. 

ETF

Gli ETF (Exchange-Traded Fund) sul petrolio Brent sono strumenti finanziari progettati per tracciare l’andamento dei prezzi di questo tipo di petrolio. Gli ETF sul Brent sono negoziati in borsa come azioni e offrono una maggiore liquidità e flessibilità rispetto all’acquisto diretto di futures petroliferi o all’acquisto di petrolio fisico. Alcuni esempi di ETF sul Brent sono iPath Series B S&P GSCI Crude Oil Total Return Index ETN (OIL) e United States Brent Oil Fund, LP (BNO).

Dove investire nel petrolio Brent?

Ora che sappiamo come si investe nel petrolio Brent, dobbiamo capire dove è possibile puntare su questo asset.

A tal proposito, la nostra redazione consiglia di optare per l’utilizzo dei broker online, che consentono di negoziare buona parte degli strumenti finanziari legati al petrolio che abbiamo visto nel paragrafo precedente e permettono di farlo in completa sicurezza.

Nello specifico, qui di seguito, ti presentiamo due piattaforme in particolare, che figurano tra i migliori broker di materie prime attualmente: eToro ed XTB

eToro

La migliore piattaforme in assoluto per investire nel petrolio Brent è eToro, uno dei broker più utilizzati al mondo e che conta milioni di utenti attivi.

Perché eToro è tanto apprezzato dai suoi utenti? Senza ombra di dubbio perché offre vantaggi impareggiabili, come:

  • Spread altamente competitivi
  • Funzionalità di social trading
  • Oltre 2000 asset per diversificare il proprio portafoglio

Per di più, qui è possibile trovare una funzionalità altamente esclusiva e all’avanguardia: il Copy Trading. Si tratta di uno strumento di trading automatico che consente di replicare il portafoglio e i risultati dei trader di materie prime (e non solo) che storicamente hanno ottenuto ottime performance, il tutto ovviamente in proporzione al capitale investito su di loro. In questo modo, anche se sei un principiante, potrai investire sul petrolio come un vero esperto e in pochi semplici click. Per iniziare, ti basterà un deposito minimo di soli 50 euro:

Clicca qui per registrarti su eToro

XTB

Al secondo posto, tra i migliori broker online che consentono di investire in petrolio Brent, troviamo XTB, un’altra piattaforma emergente che sta riscuotendo un discreto successo tra gli operatori. 

Che cosa rende XTB una delle migliori piattaforme di trading di materie prime?

  • Basso deposito minimo
  • Centinaia di materie prime negoziabili
  • Piattaforma intuitiva e ricca di strumenti

Oltre a questo, il vero fiore all’occhiello della piattaforma è la sua sezione educativa. Al suo interno, infatti, è possibile trovare un vero e proprio corso di trading sulle materie prime, redatto dagli esperti del settore. Al suo interno, infatti, troverai consigli, strategie ed esempi pratici per ottimizzare al meglio le tue operazioni sul petrolio e trarre il massimo dal mercato delle materie prime. Il corso è disponibile in vari formati, dai video all’eBook, ed è completamente gratuito. 

Clicca qui per accedere al corso gratuito di XTB

Quotazione del petrolio Brent in tempo reale

Cosa influenza il prezzo del petrolio Brent?

Il prezzo del petrolio Brent è influenzato da una serie di fattori complessi e interconnessi, tutti da tenere in considerazione quando si vuole investire in questa materie prima. Qui di seguito, ti presentiamo alcuni dei market mover del greggio più influenti:

  • Domanda e Offerta Globale: Quando la domanda di petrolio supera l’offerta, i prezzi tendono ad aumentare, mentre quando l’offerta supera la domanda, i prezzi tendono a diminuire.
  • Eventi Geopolitici: Tensioni geopolitiche in regioni chiave di produzione o transito, come il Medio Oriente, possono influenzare notevolmente i prezzi del Brent. Guerre, conflitti, sanzioni e interruzioni della produzione possono ridurre l’offerta e far aumentare i prezzi.
  • Produzione e Esportazioni: Le decisioni dei paesi produttori di petrolio, in particolare l’Organizzazione dei Paesi Esportatori di Petrolio (OPEC) e i suoi alleati, riguardo ai livelli di produzione e alle quote di mercato possono influenzare significativamente il prezzo del petrolio. Anche l’efficienza produttiva e le interruzioni nella produzione hanno un impatto.
  • Andamento Economico Globale: Periodi di crescita economica spesso portano a una maggiore domanda di energia e a prezzi più alti, mentre le recessioni possono comportare una domanda più debole e prezzi più bassi.

È importante notare che questi fattori spesso interagiscono tra loro in modi complessi, il che rende difficile prevedere con precisione l’andamento futuro dei prezzi del petrolio in generale. 

Andamento storico del prezzo del petrolio Brent

L’andamento del prezzo del petrolio Brent nella storia è stato caratterizzato da notevoli fluttuazioni che hanno riflettuto una vasta gamma di influenze economiche, politiche e geopolitiche.

Nel corso degli anni ’70 e ’80, il mondo ha assistito a due crisi petrolifere significative, la prima causata dall’embargo dell’OPEC nel 1973 e la seconda dalla rivoluzione iraniana nel 1979, hanno portato a un rapido aumento dei prezzi del Brent, facendoli passare da meno di $5 al barile a oltre $30 al barile nel 1981. Questi eventi hanno scatenato una serie di conseguenze economiche a livello globale, tra cui l’inflazione e la recessione economica.

Negli anni ’80, in risposta a questi prezzi elevati del petrolio, molti Paesi hanno investito in nuove tecnologie, le quali hanno portato a un aumento dell’offerta di petrolio e alla successiva caduta dei prezzi. Con l’avvento del nuovo millennio, però, vi è stata anche una forte crescita economica globale, che ha fatto nuovamente rialzare i prezzi, anche a seguito di problemi di produzione dell’oro nero in molte regioni del Medio Oriente.

Da allora, il prezzo del petrolio Brent è rimasto volatile, ma al contempo, è stato una costante fonte di interesse e preoccupazione per governi, industrie e investitori in tutto il mondo, con profonde implicazioni per l’economia globale.

Qual è la differenza tra il petrolio Brent e WTI?

Il petrolio Brent, però, non è l’unico tipo di petrolio esistente. Di fatti, esiste anche il petrolio WTI (West Texas Intermediate) ed entrambi costituiscono due dei principali punti di riferimento mondiali per il prezzo del petrolio greggio. Quali sono le differenze tra di loro?

  • Origine geografica: Il petrolio Brent prende il nome dal campo petrolifero Brent, situato nel Mar del Nord al largo delle coste della Scozia. Il petrolio WTI, d’altra parte, proviene principalmente dalla regione del Permiano Basin nel Texas e nel Nuovo Messico, negli Stati Uniti.
  • Qualità del petrolio: Il Brent è noto per la sua alta qualità, con un basso contenuto di zolfo e una densità relativamente leggera. Il petrolio WTI è anch’esso di alta qualità ma tende ad essere leggermente più leggero e meno denso rispetto al Brent. 
  • Mercati di riferimento: Il petrolio Brent è utilizzato come punto di riferimento per i prezzi del petrolio greggio a livello internazionale ed è ampiamente scambiato sui mercati europei e asiatici. Il petrolio WTI, invece, è principalmente un punto di riferimento per il mercato petrolifero degli Stati Uniti ed è ampiamente negoziato sul Chicago Mercantile Exchange (CME).
  • Prezzi: Nel corso della storia, il prezzo del petrolio Brent e del petrolio WTI ha mostrato differenze di prezzo significative. Solitamente, il petrolio WTI tende ad avere un prezzo leggermente inferiore rispetto al Brent.
  • Flussi di commercio: A causa della sua origine geografica, il Brent è spesso più facilmente disponibile per i mercati europei e asiatici, mentre il petrolio WTI è più orientato al mercato statunitense. 

Entrambi i tipi di petrolio, il petrolio Brent e il petrolio WTI, sono importanti riferimenti per il settore petrolifero mondiale e influenzano i prezzi del carburante e dell’energia in tutto il mondo. Per questi motivi, infatti, è bene tenerli entrambi sotto controllo, nel caso si optasse per comprare petrolio..

Previsioni Petrolio Brent

Conclusioni

In conclusione, questa guida sul petrolio Brent ci ha fornito una panoramica approfondita di uno dei principali punti di riferimento mondiali per il prezzo del petrolio greggio. 

Se poi vorrai investire in questo asset, ti basterà aprire un conto su uno dei migliori broker di materie prime che ti abbiamo indicato, così che tu possa operare in tutta sicurezza.

🔽REGISTRATI PER INIZIARE AD INVESTIRE SUL PETROLIO BRENT🔽

Piattaforma: Proprietaria
Deposito Minimo: 100€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Conto Remunerato
  • Azioni Frazionate
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star
    Il 51% dei conti CFD al dettaglio perde denaro.
    Piattaforma: xStation
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Corso Trading Gratuito
  • Conto Remunerato
  • Oltre 1.500 Asset
  • REGISTRATI
    1star 1star 1star 1star 1star

    Leggi anche: Trading Finanziario

    FAQ

    Che cosa significa petrolio Brent?

    Il termine “petrolio Brent” si riferisce a un tipo di petrolio greggio di alta qualità estratto principalmente nel Mar del Nord. Il suo nome deriva dal campo petrolifero di Brent, ed è uno dei principali punti di riferimento globali per il prezzo del petrolio. Questo tipo di petrolio è noto per la sua bassa densità e il basso contenuto di zolfo, rendendolo particolarmente adatto per la produzione di carburanti e prodotti petroliferi di alta qualità.

    Perché il petrolio Brent costa di più?

    Il petrolio Brent tende a costare di più rispetto ad altri tipi di petrolio a causa della sua migliore qualità, con basso contenuto di zolfo e densità leggermente superiore. Queste caratteristiche lo rendono più adatto per la produzione di carburanti di alta qualità, il che lo rende più prezioso sul mercato internazionale. Inoltre, le dinamiche dell’offerta e della domanda, così come le influenze geopolitiche, possono influenzare ulteriormente il suo prezzo.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]
    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.