Ultimate magazine theme for WordPress.

NASDAQ: cos’è e come funziona l’indice di borsa

0

Ricevi aggiornamenti sui nuovi articoli in tempo reale, iscriviti gratuitamente adesso

NASDAQ, acronimo di National Association of Securities Dealers Automated Quotation, rappresenta l’indice per ciò che riguarda i titoli del settore tecnologico della borsa americana.

Nel suo roster non sono comprese unicamente i titoli del settore informatico come le più famose Google, Amazon, Facebook, Cysco System, IBM o Apple, ma molti titoli diversi.

L’indice va a coprire settori anche abbastanza diversi tra loro (tra i titoli presenti, per dare un’idea, possiamo trovare anche quelli legati ad American Airlaines, Hasbro o addirittura PepsiCo).

L’indice fu fondato solo il 4 febbraio 1971. Poi vide il suo vero e proprio esordio in borsa quattro giorni dopo, entrando con una quotazione di appena 100 punti.

Fino a non moltissimi anni fa questo indice era conosciuto soprattutto per la forte volatilità.

Frutto dell’enorme e veloce espansione della New Economy, che porto però anche allo scoppio della bolla speculativa delle Dot-com (leggi la guida speculare in borsa).

Oggi è asset di investimento ambito da moltissimi traders. In questa guida approfondiamo il discorso NASDAQ, proponendo anche le migliori piattaforme per investirci in maniera semplificata e SENZA commissioni, come 24option (visita qui il sito ufficiale del broker).

NASDAQ: breve storia

NASDAQ, con sede a New York nell’iconica piazza di Time Square, nasce come detto il 4 febbraio 1971, andando a raggruppare i maggiori titoli informatici presenti su mercato.

La forte volatilità caratteristica di questo indice si protrasse fino a non molti anni fa. Il periodo di massima volatilità si ebbe tra la fine degli anni novanta e l’inizio del nuovo secolo.

All’epoca, complice anche una veloce diffusione di massa delle linee internet, si ebbe lo scoppio della famosa bolla speculativa delle Dat-com.

A causa dell’espansione esagerata del mercato informatico, sul finir del secolo iniziarono a sorgere una grandissima quantità di aziende a bassissima capitalizzazione. Erano convinte di poter sfruttare il grande interesse che il mercato riservava a questo tipo di aziende.

Nonostante moltissime di queste avessero pochissimi se non addirittura un solo azionista, senza parlare dei profitti che erano nulli. Molte di queste società riuscirono comunque ad attirare investitori convinti in una loro futura espansione.

NASDAQ e volatilità

Si diffuse il detto get big fast, che ben sintetizzava la strategia dominante in quel periodo. Aziende famose come Amazon o Google adottavano lo stesso piano.

Difficilmente potevano vantavano dei profitti reali e tutti i soldi provenienti dagli investitori venivano girati immediatamente in pubblicità o sviluppo di hardware e software.

La maggioranza delle società era perciò pesantemente sovrastimata. Quando il mercato si riequilibro i titoli delle suddette subirono dei crolli vertiginosi che ne decretò anche la loro fine.

Non c’è alcun dubbio che questa serie di eventi portò anche ad un incredibile sviluppo informatico e tecnologico nei paesi molto industrializzati.

Oggi la situazione è ben diversa. NASDAQ ha perso la sua caratteristica volatilità e oggi rappresenta uno tra gli indici di borsa più saldi e sicuri su cui investire. Può infatti, contare su titoli incredibilmente interessanti come Facebook, Apple o Google.

Investire in CFD NASDAQ

Investire oggi sull’indice NASDAQ rappresenta senza ombra di dubbio una scelta assai saggia.

La vecchia volatilità dell’indice è ormai solo un ricordo. Inoltre va considerata una buona differenziazione di titoli, il che rende ogni investimento molto meno rischioso.

Se infatti NASDAQ è famosa per titoli del mondo informatico, non mancano nel suo paniere anche società aerospaziali, farmaceutiche, autovetture o telecomunicazioni. Addirittura Starbucks si trova tra questi titoli!

Tra le varie modalità di investimento, è anche possibile investire in CFD NASDAQ.

Si tratta di strumenti derivati con i quali è possibile adottare varie strategie. È infatti possibile investire sia long, andando ad acquistare, sia short, vendendo quindi allo scoperto.

Oggigiorno ci sono numerose piattaforme che permettono a praticamente chiunque di cimentarsi in questa attività. Senza peraltro chiedere costi di commissione su le operazioni.

Tra queste le principali sono fondamentalmente 3: eToro, 24Option e Trade.com

NASDAQ e CFD: semplici e siruci

Questo genere di piattaforme è molto comune, tuttavia incappare in siti poco affidabili o, peggio, in qualche truffa è molto semplice.

Ancor più semplice è però evitare frodi: basta infatti controllare che queste piattaforme dispongano delle giuste autorizzazioni ad operare, rilasciate da importanti agenzie ed autorità di vigilanza.

Tra queste le più importanti sono sicuramente:

  • CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission)
  • ESMA (Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati)
  • CONSOB (Commissione nazionale per le società e per giocare in Borsa)
  • FSA (Financial Services Authority)

Si consiglia pertanto di diffidare assolutamente di ogni agenzia che non possa vantare almeno una di queste licenze. Ovviamente i broker proposti rispettano ogni requisito di trasparenza e sicurezza.

1 – etoro: il social network degli investimenti

etoro nasce come piattaforma per il trading online nel 2013 da una propaggine dell’omonima azienda fondata nel 2006 dai fratelli Assia in collaborazione con David Ring.

Nonostante la giovane età della piattaforma, è riuscita subito a farsi largo nel difficile mercato degli investimenti online. Ha raggiunto così risultati tali da portarla tra le assolute leader del settore.

Tra le caratteristiche più interessanti c’è il gran numero di strumenti molto peculiari ed utili, se non addirittura rivoluzionari, offerti agli utenti.

Tra questi senza dubbio una menzione d’onore la merita il famoso strumento denominato Copy Trading.

Con questo servizio è possibile copiare letteralmente ogni operazione compiuta dai trader più famosi ed esperti. Guarda il video che spiega il Copy Trading qui.

In questo modo anche gli utenti più inesperti potranno operare su asset maggiormente interessanti e sicuri. Ovviamente nemmeno i guru della finanza sono assolutamente infallibili. Proprio per questo motivo etoro mette a disposizione un secondo strumento decisamente utile.

eToro e Social Trading

Si tratta del Copy Trading Stop Loss. Questo strumento permette di settare una soglia sotto la quale ogni investimento viene automaticamente bloccato, andando quindi ad evitare sempre ingenti perdite.

La piattaforma dispone, inoltre, di una ben curata” area social”. Questa caratteristica è molto più importante di quel che può sembrare. Tenersi in contatto continuo con altri trader, seguirne lo sviluppo o semplicemente scambiarsi idee e strategie d’approccio è assolutamente fondamentale per crescere in questo settore e portare a casa buoni risultati.

Tirando le somme si tratta di un’ottima piattaforma per investire in CFD NASDAQ. Oltre ai già citati peculiari strumenti di cui dispone, la rosa di asset su cui investire è molto ampia e variegata, andando così ad accontentare un po’ tutti.

Prova anche tu il Copy Trading e investi con etoro. Puoi aprire un conto con soli 100 euro qui!

2 – 24Option: pionieri del trading

24Option nasce nel 2010 rivoluzionando per sempre il mondo del trading. Se oggi è così semplice investire anche per l’uomo comune senza grossa esperienza, il merito è proprio di questa piattaforma.

In primis la sua interfaccia, semplice e completa al tempo stesso, ha permesso di eliminare uno dei vecchi scogli per l’utente medio. Cioè quello di trovarsi di fronte a decine di grafiche, pagine e pop up che lo disorientano e lo spingono alla fuga.

Il sito di 24Option è quanto di più semplice da utilizzare ci sia. Eliminate tutti le sezioni inutilmente ingombranti, l’utente troverà solo che davvero vi è utile per operare con efficacia.

Tuttavia il maggior pregio di questa piattaforma è senza ombra di dubbio la sua guida messa a disposizione gratuitamente una volta iscritti.

Corso di Trading 24option

La formazione nel mondo degli investimenti è tutto. Questo mondo può regalare grandi soddisfazioni ma solo a condizione di un buono studio e di un continuo aggiornamento.

Trovare guide valide e complete non è certo uno scherzo. Inoltre, ovviamente, corsi di formazione e guide ben strutturate ed efficaci hanno costi assolutamente fuori portata per un novizio.

Poter contare su una delle migliori guide del settore (disponibile qui gratis e in PDF) senza dover affrontare nessun tipo di costo è un’opportunità incredibile e assolutamente da cogliere.

Per dare un’idea del valore della guida targata 24Option basti pensare che, secondo i maggiori analisti ed esperti del settore, se questa venisse commercializzata avrebbe un prezzo intorno ai 3000 dollari!

Inoltre, in maniera sempre gratuita, la piattaforma mette a disposizione dei segnali trading di assoluta affidabilità, con i quali non sarà difficile cogliere le maggiori opportunità offerte dal mercato, così come sarà molto semplice evitare cattivi investimenti.

Registrati su 24Option e scarica subito la guida sul trading online!

Ricordiamo che 24option è broker ferrato anche sull’investimento azionario e offre il trading su molte azioni. Ad esempio qui è possibile fare trading azioni Juventus (squadra di cui 24option è sponsor ufficiale.

3 – Trade.com: scalata verso l’Olimpo

Dal 2017 in poi Trade.com ha avviato una grossa opera di rifondazione, arrivando ad occupare stabilmente il podio delle piattaforme più di successo attualmente presenti sul mercato.

Quel che oggi ci troviamo di fronte è un sito tecnologicamente molto interessante, snello e curato, con molte feature pregevoli.

In primis Trade.com utilizza ben due diverse piattaforme. La più interessante ed utilizzata è senza dubbio WebTrader.

Questa piattaforma è davvero facile da utilizzare e già dopo pochi minuti risulterà molto familiare. Guida l’utente verso gli oltre 2100 asset diversi disponibili, andando a soddisfare anche gli investitori più esigenti e sofisticati.

Tra le feature presenti sulla piattaforma, TradingCube permette di visualizzazione di diversi titoli in contemporanea e con relative caratteristiche, rendendo il tutto molto più veloce ed efficiente.

Ciò su cui Trade.com ha compiuto veri e propri passi da gigante negli ultimi due anni, portandosi tra i leader del settore, è l’offerta di indicatori finanziari e segnali trading tra i migliori in circolazione, che vanno a migliorare le analisi tecniche possibili agli utenti, aiutandoli a sviluppare strategie sempre più efficaci.

Sono inoltre offerti diversi tipi di account, andando incontro alle esigenze dei trader più diversi. Il deposito minimo disponibile è di appena 100 euro, dando possibilità anche ai meno facoltosi ed inesperti di avviare l’attività d’investimento.

Per gli utenti più esperti sono messi a disposizione account da 1.000, 10.000, 50.000 e 100.000 euro.

Prova WebTrader di Trade.com e apri un account con soli 100 euro!

NASDAQ: consigli utili per gli investimenti

Investire non è mai un’attività semplice. Il mito dell’arricchimento senza muovere un dito va assolutamente smentito.

Investire vuol dire studio, formazione, dedizione ed aggiornamento continuo. Per sviluppare strategie davvero vincenti c’è bisogno di molto impegno e di comprendere per bene come funziona il mercato.

Inoltre, questo è un mondo in continuo divenire, è dunque impensabile credere di non aver più bisogno di studio, neanche se si è grandi trader o guru della finanza.

Asset assolutamente redditizi potrebbero attraversare fasi ribassiste anche molto acute, viceversa piccole aziende sconosciute potrebbero diventare in breve tempo azioni vantaggiosissime.

I fattori da tener in conto sono molteplici.

Tra questi, come già accennato, c’è da considerare l’affidabilità delle piattaforme con cui si è deciso di operare. Se un broker ha poche notizie sul proprio conto e ha sede in un paradiso fiscale, è probabilmente una società fraudolenta.

Assolutamente da evitare sono poi tutte le piattaforme che non dispongono di autorizzazioni rilevanti, rilasciate da una delle sopraccitate autorità di vigilanza.

Fattori importanti da tener presenti, più puramente legati al mondo della finanza sono per esempio la ripartizione dei dividendi.

Con questa formula si intente la divisione di una parte dei profitti di una società, che la stessa decide di ripartire tra i suoi azionisti.

Si tratta di un’azione assolutamente opzionale ed è solo il consiglio d’amministrazione o il CEO a poterla attuare.

È una mossa che ha come scopo quello di rendere più fedeli e partecipativi gli azionisti, che hanno in questo modo maggiori stimoli ad investire.

Questo fenomeno tuttavia, pur essendo in sé e per sé abbastanza positivo, si porta dietro in genere effetti più o meno negativi in borsa.

Segreti del mercato del NASDAQ

Nei giorni in cui avviene la ripartizione, infatti, i titoli della società in questione tendono a subire delle flessioni negative. Perciò è molto importante tenere presente questa dinamica.

Come detto si tratta di una scelta assolutamente facoltativa: Amazon, ad esempio, non ha assolutamente mai ripartito alcun profitto tra gli investitori, che nonostante tutto sembrano abbastanza fedeli.

Inoltre, si consiglia sempre di non investire in troppi titoli appartenenti allo stesso settore. In caso di crisi del settore è meglio avere sempre nella faretra titoli appartenenti a diversi segmenti di mercato, in modo che solo una parte degli investimenti vadano a male.

Essere investitori vuol dire rimanere sempre vigili e ben attenti a tutto ciò che succede sul mercato. C’è sicuramente da impegnarsi ma, tutto sommato, si può dire che chiunque può investire, facoltoso o meno che sia, a patto di dedicarci il giusto impegno.

Investimenti NASDAQ: conclusioni

Tirando le somme, investire per questo indice risulta una scelta molto consigliata.

L’antica volatilità è oggi sparita del tutto e gran numero di titoli presenti nel proprio roster, anche molto diversi tra loro, fornisce la giusta diversificazione per investire con più sicurezza.

Inoltre c’è sicuramente da considerare la qualità e lo spessore dei titoli proposti: società del calibro di Google, Facebook o Amazon sono tutte in ottima salute e rappresentano senza dubbio ottimi titoli da ogni punto di vista.

Il nostro voto
Clicca per lasciare un voto!
[Totale: 0 Media: 0]

Ricevi aggiornamenti sui nuovi articoli in tempo reale, iscriviti gratuitamente adesso

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato.