Investire in startup: Come, dove e in che modo [La guida completa]

Investire in startup è molto di moda, il fatto di riuscire a scovare la nuova Facebook o la nuova Google quando è ancora in fase embrionale attira molti investitori, ma come si fa a scegliere? E soprattutto il rischio vale la candela?

Questa e altre domande ronzano in testa alle persone alla ricerca di investimenti altamente speculativi. Perchè è questo il principale motivo che spinge ad investire in startup, il profitto.

Si tratta di una sfida, molto rischiosa ma con delle incredibili possibilità di ritorno economico se si fanno le scelte giuste.

In questa guida vedremo:

  • Cos’è una startup
  • Come investire in startup
  • Se conviene investire in startup

Vi daremo anche dei consigli tecnici, proponendovi le migliori piattaforme di trading, così da utilizzare degli intermediari sicuri come eToro, affidabili e senza commissioni:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Copy Trading
  • Adatto per principianti
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: obrinvest
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Ebook gratuito
  • Segnali di Trading
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Specialista a disposizione
  • Metatrader 4
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    75,80% dei conti al dettaglio di CFD perdono denaro
    Piattaforma: avatrade
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Copy trading
  • Attivo dal 2006
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Deposito min: 10eur
  • Conto Demo gratuito
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    Piattaforma: capital
    Deposito Minimo: 20€
    Licenza: Cysec
  • Piattaforma Metatrader MT4
  • Decine di criptovalute
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star

    Investire in startup: Di cosa si tratta?

    Prima di spiegarvi come investire in startup vediamo di spiegare brevemente cos’è una startup.

    Si tratta di un’impresa in fase di avvio o ancora da avviare, può trattarsi di una società di piccole, medie o grandi dimensioni ed è in cerca di finanziamenti per attuare il suo progetto imprenditoriale.

    Quali sono le 3 caratteristiche di una startup?

    1. Innanzitutto dev’essere innovativa
    2. Deve avere mercato
    3. Deve poter creare reddito

    Il team che lavora alla startup fin dalla sua creazione dev’essere competente e deve credere fortemente nel progetto.

    Come investire in startup

    Sappiamo che avete fretta di capire come investire in startup ma è meglio andare per gradi, anche se può sembrare una cosa semplice, in realtà è uno degli investimenti speculativi più rischiosi che esistono, anche se il potenziale di realizzo è notevole.

    Ci sono dei passi da compiere per investire in startup e sono:

    • Decidere quanto capitale investire, si tratta di un capitale a rischio, quindi non potete puntare i vostri risparmi su una startup, l’azienda potrebbe fallire miseramente. In ogni caso si tratta di un investimento consistente, non è possibile investire piccole somme in una startup (a meno che non si faccia crowdfunding).
    • Valutare se investire in Crowdfunding, ancor prima della quotazione in borsa o attendere la IPO e fare Trading online.
    • Scegliere attentamente l’azienda su cui investire, analizzandola e valutando l’idea, il mercato e le possibilità di generare profitto.

    Quest’ultimo punto è fondamentale, se commettete un errore nella scelta della startup, sarà inutile aver dosato il capitale e aver scelto una piattaforma (di Crowdfunding o di Trading) di altissimo livello.

    La scelta di una startup va fatta recuperando tutte le informazioni a disposizione, valutando il mercato, studiando i competitors, la situazione finanziaria dell’azienda e in che modo ha intenzione di guadagnare.

    Spesso i prezzi delle azioni alcune startup vanno al rialzo ma i fondamentali sono fragili perchè le aziende non sono redditizie, un po’ come Uber, Lyft, o Lemonade.

    In questo caso parliamo di Growth investing, che si contrappone al Value investing, basato sui fondamentali e sul reale valore di un’idea imprenditoriale, come Helbiz.

    Dove investire in startup

    Se siete interessati a investire in startup avete di fronte a voi due scelte: il Crowdfunding e il Trading online.

    Ma prima ancora di decidere su cosa investire è fondamentale scegliere piattaforme serie e affidabili.

    Sia che si tratti di Crowdfunding che di Trading online infatti, dovete appoggiarvi esclusivamente a piattaforme regolamentate e autorizzate dalla CONSOB (o da enti similari).

    Il web purtroppo è invaso da numerose truffe di trading, quindi il primo passo per investire in startup con successo è quello di scegliere la piattaforma da usare.

    Crowdfunding startup

    Sostanzialmente il crowdfunding è una raccolta fondi e può essere organizzata da un’impresa, anche in fase di semplice progetto.

    Le piattaforme online che si occupano di crowdfunding sono svariate, ciò che conta è appoggiarsi a quelle con regolare licenza.

    L’imprenditore fa una sorta di business plan, espone l’idea e se viene accettata dalla piattaforma, chiunque ci può investire.

    Le differenze fra le varie tipologie di crowdfunding riguardano cosa ottiene l’investitore, ecco le principali:

    • Nel Reward crowdfunding il finanziatore riceve una ricompensa non monetaria.
    • Con l’Equity crowdfunding l’investitore ottiene una quota di partecipazione nell’impresa (come se fossero delle azioni).

    Quindi se vi interessa investire in startup quando ancora sono in fase di avvio, potete dare un’occhiata alle principali piattaforme di Crowdfunding che ci sono online.

    Se invece preferite investire in startup che sono già avviate, magari appena quotate in borsa, allora vi consigliamo una piattaforma di Trading online fra quelle elencate all’inizio di questa guida.

    Trading online

    Il modo più semplice per fare trading online e investire in startup appena quotate, magari sul Nasdaq di New York o in qualsiasi altra borsa internazionale, è usare i Broker CFD.

    Questi intermediari offrono dei derivati finanziari (i Contratti per Differenza) che permettono di negoziare i titoli quotati in borsa sia al rialzo che al ribasso, senza pagare commissioni.

    I CFD hanno lo stesso prezzo del titolo sottostante ma sono molto più semplici, economici e facili da utilizzare.

    Per fare Trading online non dovrete aprire nessun conto titoli, non pagherete imposte di bollo nè commissioni di trading e potrete investire anche pochi euro comodamente dal vostro PC o addirittura dal vostro smartphone.

    La cosa importante è scegliere Broker CFD sicuri, affidabili e convenienti, piattaforme di alto livello come eToro, OBRinvest e Trade.com.

    eToro

    eToro è il Broker online con più utenti al mondo, oltre 10 milioni e questo lo rende l’intermediario più popolare e anche uno dei più affidabili sul mercato.

    La sua piattaforma di trading è intuitiva e ricca di indicatori molto personalizzabili e permette di investire in startup appena quotate, con un’ampia scelta di titoli a disposizione.

    La sicurezza di eToro è garantita dalla CONSOB per l’Italia e da numerose altre autorizzazioni a livello internazionale.

    Come si fa a investire in startup su eToro?

    • Registratevi gratis su eToro
    • Accedete al conto Demo o a quello reale (depositando almeno 200 €)
    • Selezionate il CFD della startup che vi interessa e cliccate su “Investi”
    • Decidete se comprare o vendere le azioni e quanto puntare nell’operazione

    Prova gratis la piattaforma eToro

    Questo broker propone anche un sistema di trading automatico, per quelli che non amano studiare i grafici e le strategie di trading e preferirebbero che qualcuno più esperto operasse al loro posto.

    Con il Copy Trading potrete copiare le operazioni dei migliori trader di eToro, voi li dovrete solo scegliere, il software farà tutto automaticamente ricopiando le loro operazioni sul vostro conto.

    Quanto rende il Copy Trading? Dipende dai risultati dei trader che copierete, ecco alcuni esempi:

    top trader etoro

    Clicca qui e scegli quali trader copiare

    OBRinvest

    OBRinvest è un intermediario molto innovativo, con una regolare licenza CySEC e un’attenzione particolare alle esigenze degli investitori.

    Per offrire un’ampia possibilità di scelta offre ben due piattaforme di trading ai suoi iscritti:

    • La Piattaforma Web è semplice, intuitiva, rapida e accessibile da qualsiasi dispositivo, senza installare nulla.
    • La Metatrader invece è molto più professionale, completa e ricca di indicatori di ogni genere.

    Clicca qui e scegli la piattaforma

    Fra i suoi servizi più popolari spicca il Corso di Trading, un pdf che è diventato uno degli ebook più scaricati al mondo in questo settore.

    Questo ebook spiega le basi del trading online con molti esempi e una particolare attenzione alle strategie di investimento. Inoltre è gratuito e per scaricarlo vi basta usare il link qui sotto:

    Clicca qui e scarica gratis il Corso di Trading

    Come si fa ad investire in startup su OBRinvest?

    • Registratevi su OBRinvest
    • Scegliete la piattaforma di trading
    • Selezionate il CFD della startup che vi interessa e cliccate su Acquista (o su Vendi per vendere allo scoperto)
    • Decidete l’importo da investire.

    Clicca qui e registrati gratis su OBRinvest

    Trade.com

    Trade.com ha cercato di favorire gli investimenti con piccoli capitali e per questo ha fissato una soglia di deposito minimo di soli 100 euro.

    Questo Broker ha una regolare licenza CONSOB e offre un Corso di Trading molto dettagliato, adatto a chiunque, perchè usa una terminologia semplice.

    Si tratta di un pdf e può essere scaricato gratis, basta usare il link qui sotto:

    Scarica gratis il Corso di Trading cliccando qui

    La piattaforma di trading messa a disposizione da Trade.com è molto innovativa, rapida e di facile apprendimento.

    Come si fa a investire in startup su Trade.com?

    • Registratevi gratis su Trade.com
    • Accedete al conto Demo o a quello reale (depositando come minimo 100 €)
    • Selezionate il CFD della startup che vi interessa e cliccate su “Buy” per comprare o su “Sell” per vendere allo scoperto
    • Decidete quanto investire nell’operazione.

    Clicca qui e registrati gratis su Trade.com

    Investire in startup conviene?

    Questa domanda è semplice ma richiede una risposta complessa.

    Ovviamente investire in startup conviene ma va fatto con molta attenzione, soprattutto se volete partecipare ad un Crowdfunding.

    La raccolta di fondi prima della quotazione in borsa può riservare amare sorprese, quindi se vi piace l’idea, studiate a fondo il progetto imprenditoriale e fate piccoli investimenti finanziari.

    Vediamo adesso i principali Pro e Contro di investire in startup.

    Pro di investire in startup:

    • Profitti potenzialmente molto elevati, una startup ha un potenziale di crescita inarrivabile per un’azienda già ben consolidata.
    • Possibilità di diversificare il portafoglio, le startup sono innovative e offrono un’ampia scelta di settori sui quali puntare
    • Generare lavoro e crescita, questo tipo di investimenti aiuta a creare posti di lavoro e crescita

    Contro di investire in startup:

    • Elevato rischio di perdere il capitale, le probabilità di fallimento per una startup sono molto alte.
    • Difficili da valutare, anche analizzando il progetto, è molto difficile valutare davvero un’azienda quando ancora non è avviata completamente.

    Investire in startup guadagni

    Quando si sceglie un cavallo vincente le possibilità di guadagno sono molto elevate.

    Premesso che le difficoltà maggiori quando si investe in startup riguardano proprio la fase di selezione dell’azienda sulla quale puntare, se avete azzeccato questa scelta è molto facile guadagnare.

    Specialmente dopo la IPO (Offerta Pubblica Iniziale) una startup “vincente” aumenta di valore e il prezzo delle azioni tende a salire rapidamente, quindi a differenza del trading su titoli famosi, con una startup innovativa è più probabile vedere dei balzi in avanti del titolo.

    Se analizziamo qualche esempio di quotazione di startup famosa come quella di Zoom ci rendiamo subito conto di quanto possono crescere i prezzi delle azioni di queste aziende, anche appena quotate.

    Investire in startup: le migliori su cui puntare

    Abbiamo già parlato dei rischi del Crowdfunding, quindi preferiamo non esprimere giudizi su aziende che sono ancora in fase di avvio e non permettono una valutazione realistica delle prospettive di crescita, nè tantomeno del ritorno economico.

    Lasciamo il crowdfunding agli investitori esperti o al massimo vi consigliamo di investire cifre molto piccole nei primi round di finanziamento.

    Ma ci sono alcune società che sono state quotate in borsa di recente e possono offrire delle ottime opportunità di investimento per chi fa Trading online, preferibilmente con i Broker CFD senza commissioni.

    Le 10 migliori aziende appena quotate:

    1. Lemonade (LMND)
    2. Wish (WISH)
    3. Shift4 Payments (FOUR)
    4. Snowflake (SNOW)
    5. Unity Software (U)
    6. GoodRx Holdings (GDRX)
    7. Palantir (PLTR)
    8. DoorDash (DASH)
    9. Airbnb (ABNB)
    10. Asana (ASAN)

    Investire in queste startup non è una certezza ma si tratta di titoli molto interessanti, con un ottima idea imprenditoriale, un mercato a disposizione e delle reali possibilità di diventare redditizie in breve tempo.

    Le startup che possono rivelarsi redditizie

    Vediamo adesso le startup che (probabilmente) saranno quotate nel prossimo futuro e che rappresentano delle grandi opportunità da seguire con attenzione se desiderate investire in startup.

    Le IPO in arrivo nei prossimi mesi:

    • Bumble
    • Instacart
    • Robinhood
    • Nextdoor
    • Stripe
    • Roblox
    • Coinbase
    • UiPath
    • ThoughtSpot
    • Ascensus
    • Deliveroo
    • Ant Financial

    Non fatevi ingolosire da un nome famoso piuttosto che dai rumors di borsa, studiate attentamente il titolo prima di investire, valutate le reali possibilità di crescita e negoziate con prudenza, sono pur sempre delle startup!

    Conclusioni

    Investire in startup rappresenta una strategia molto rischiosa ma altrettanto remunerativa, non ci sono trucchi o segreti, in realtà nessuno conosce il futuro.

    Seguite i consigli di questa guida, valutate il progetto, decidete l’ammontare dell’investimento e soppesate attentamente le reali opportunità di sviluppo dell’azienda.

    investire in startup

    Potete valutare sia il Crowdfunding che il Trading online ma ciò che conta è usare intermediari regolamentati.

    I Broker CFD che abbiamo presentato in questa guida sono sicuri e permettono anche di fare delle simulazioni d’investimento attraverso i loro conti Demo.

    Con questi conti avrete denaro virtuale illimitato e potrete valutare la vostra migliore strategia per investire in startup, senza correre alcun rischio. Dopodichè potrete passare agli investimenti reali molto facilmente, vi basterà fare un piccolo deposito sul conto di uno di questi Broker:

    Come investire in startup?

    Con il crowdfunding quando la startup è in fase di avvio e con i Broker CFD dopo la quotazione in borsa.

    Dove investire in startup?

    Ciò che conta è scegliere intermediari autorizzati e con regolari licenze.

    In che modo investire in startup?

    Prima bisogna informarsi, valutare la situazione economica, l’idea, il mercato e le prospettive di crescita.

    Investire in startup conviene?

    Si ma è anche molto rischioso, fatelo con prudenza, preferibilmente investendo in aziende già quotate, con Broker sicuri come eToro, che permettono di fare trading senza commissioni.

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]
    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.