Ultimate magazine theme for WordPress.

DAX 30: investire nel principale indice di Germania

0

Ricevi aggiornamenti sui nuovi articoli in tempo reale, iscriviti gratuitamente adesso

DAX 30 è l’indice maggiore della borsa di Francorforte, contenendo nel su roster i 30 maggiori titoli per capitalizzazione e volume di negoziazione tedeschi.

Fondato il 30 dicembre 1987 grazie all’attività di Frank Mella, all’epoca direttore del più grande giornale tedesco a focus esclusivamente borsistico-finanziario, può vantare un ventaglio di titoli molto diversificato, caratteristica che lo rende molto appetibile per gli investitori.

I settori più rappresentati sono indubbiamente quello automobilistico, chimico, assicurativo e bancario. Non mancano tuttavia molti titoli del settore tecnologico o dei beni e servizi offerti dal settore industriale.

Questa è una guida completa non solo al DAX come indice, ma anche come asset di investimento. Molti operatori infatti prediligono questo asset per le ottime occasioni di trading che offre.

Inoltre, piattaforme come quella di ForexTB (broker regolamentato) offrono segnali automatici che indicano come e quando investire sul DAX. Questo ha reso l’indice sempre più popolare tra gli investitori. Ma ne parleremo nel corso della guida.

DAX 30: storia e date storiche

L’entrata in borsa di DAX 30 nel 1987 fu accompagnata da una quotazione di 1.000 punti. Solo circa 10 anni dopo, il 2° marzo 1998, segnò per la prima volta una quotazione oltre i 5.000 punti, toccando quota 5.001,55.

Nonostante le ottime performance mostrate nella prima decade di vita, nemmeno il più importante indice tedesco riuscì a rendersi totalmente impermeabile agli strascichi della crisi della Dat-com, che scoppio proprio agli inizi del 2000.

Questa bolla investì tutto il settore tecnologico ed informatico e fu causato proprio da un’eccessiva sopravvalutazione di molte aziende di quel settore.

I risultati di questa crisi si fecero sentire anche sull’indice teutonico che, infatti, nel 2002 registro il peggior calo annuale della sua storia, corrispondente addirittura al -44%.

Ad ogni modo, nonostante la ormai probabile recessione che colpirà la Germania nel 2020, DAX 30 è stabilmente sopra quota 13.000 punti, mostrandosi come uno dei più solidi indici di borsa (insieme al FTSE 100) al mondo.

DAX 30: lista completa dei titoli

Come detto, questo indice può vantare un’ottima differenziazione tra i titoli, fattore molto positivo e assolutamente non trascurabile.

È infatti fortemente sconsigliato investire su titoli molto simili tra di loro o appartenenti addirittura allo stesso settore: in questo caso, infatti, una crisi del settore andrebbe a colpire molto di più un investitore.

Nel paniere di DAX 30 possiamo trovare invece ogni genere di titolo: dal settore industriale a quello chimico-farmaceutico, dalle telecomunicazioni alla manifattura o abbigliamento, la varietà proposta è davvero considerevole, soprattutto potendo contare solo i 30 migliori titoli.

Ecco la lista di tutti i titoli DAX 30:

Adidas AG, Allianz SE, BASF SE, Bayer AG, Beiersdorf AG, Bayerische Motoren Werke AG, Continental AG, Covestro AG, Daimler AG, Deutsche Boerse AG, Deutsche Bank AG, Deutsche Post AG, Deutsche Telekom AG, E.ON SE, Fresenius Medical Care AG & Co KGaA, Fresenius SE & Co KGaA, HeidelbergCement AG, Henkel AG & Co KGaA, Infineon Technologies AG, Deutsche Lufthansa AG, Linde PLC, Merck KGaA, Muenchener Rueckversicherungs-Gesellschaft AG in Muenchen, RWE AG, SAP SE, Siemens AG, Thyssenkrupp AG, Vonovia SE, Volkswagen AG, Wirecard AG.

Non è tuttavia una lista definitiva ed immutabile. Il paniere dell’indice tedesco viene continuamente rinnovato e riorganizzato secondo diversi punti.

Grazie alla presenza di queste aziende così importanti il DAX è paragonabile per importanza ad altri indici di caratura mondiale come:

Investire in CFD DAX 30

In questo momento investire nelle blue chip tedesche risulta, pertanto, una buona idea per svariate ragioni.

Il termine blue chip sta proprio ad indicare quei titoli capaci di rimanere redditizi anche in momenti in cui il mercato stenta a decollare, poiché dotati di un’altissima affidabilità finanziaria.

Oltre ai più tradizionali metodi di investimento, come l’acquisto vero e proprio di azioni DAX 30, è possibile investire anche attraverso CFD (Contratti per differenza)

I CFD sono strumenti finanziari derivati, che permettono di ottenere profitti operando su titoli, indici o in generale qualsiasi asset, senza possederne realmente il titolo, con tutto ciò che ne consegue. Non si avrà dunque a che fare con nessuna pratica burocratica riguardante gli investimenti tradizionali.

CFD semplicità e convenienza

Caratteristica principale dei CFD è la possibilità di investire anche senza poter contare su grossi capitali. Investire con metodi tradizionali, infatti, richiede un minimo di decine di migliaia di euro.

Questi strumenti cancellano quasi del tutto questa soglia e, attraverso piattaforme specifiche detti broker, permettono a davvero chiunque di cimentarsi nelle attività finanziarie. Per capire le potenzialità, basta fare una rapida ricerca su quanto guadagna un trader che utilizzi i CFD.

Di simili piattaforme se ne possono trovare in grande quantità sul web. Tuttavia i broker davvero sicuri ed efficienti sono pochi. Non è raro imbattersi in truffe o piattaforme mal sviluppate, tanto da renderle inservibili.

Fortunatamente, riconoscere broker fraudolenti è un’operazione relativamente semplice. Ci sono infatti varie autorità di vigilanza che sottopongono a rigide analisi ognuna di queste piattaforme.

Se un broker rispetta tutti i criteri di affidabilità, sicurezza e trasparenza, ecco che l’autorità in questione rilascia un importante certificato. Le autorità di vigilanza più importanti sono:

  • CySEC (Cyprus Securities and Exchange Commission)
  • ESMA (Autorità europea degli strumenti finanziari e dei mercati)
  • CONSOB (Commissione nazionale per le società e la Borsa)
  • FSA (Financial Services Authority)

Se una piattaforma non può vantare nessuno di questi certificati, si consiglia caldamente di evitarle per non incorrere in qualche brutta sorpresa.

Come detto, i broker presenti sul web sono tanti, ma ben pochi sono quelli veramente validi.

Secondo la nostra esperienza pluriennale nel mondo della finanza, noi di Mercati24 ci sentiamo di consigliare alcune piattaforme che si distinguono nettamente per offerta e strumenti disponibili:

Piattaforma: etoro
Deposito Minimo: 200€
Licenza: Cysec
  • Social Trading (Copia i migliori)
  • Semplice ed intuitivo
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni
    Piattaforma: forextb
    Deposito Minimo: 250€
    Licenza: Cysec
  • Corso trading gratis
  • Segnali di trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni
    Piattaforma: trade
    Deposito Minimo: 100€
    Licenza: Cysec
  • Demo gratis
  • Corso trading gratis
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni
    Piattaforma: iqoption
    Deposito Minimo: 10€
    Licenza: Cysec
  • Demo Gratuita Illimitata
  • Deposito minimo basso
  • ➥ Inizia
    1star 1star 1star 1star 1star
    *Si applicano termini e condizioni

    eToro: alla scoperta del social trading

    eToro nasce nel 2013 dall’omonima azienda fondata 7 anni prima ad opera dei fratelli Ronen e Yoni Assia e del loro amico e collaboratore David Ring.

    Si tratta di una piattaforma a tutti gli effetti rivoluzionaria. Grazie ad un suo peculiare strumento, il Copy Trading, è riuscita infatti ad abbattere uno dei principali problemi per i novizi del mondo degli investimenti.

    Capire tutti i meccanismi del mercato non è affare veloce, e in media un utente impiega 4 o 6 mesi per essere davvero pronto ad affrontare in maniera oculata e lucida questo mondo.

    Investire troppo presto potrebbe non rivelarsi una scelta molto saggia, per cui è in genere consigliato di fare prima pratica con le Demo messe a disposizione da queste piattaforme.

    Ebbene, il Copy trading permette letteralmente di copiare l’attività di altri trader, magari tra i migliori in circolazione. In questo modo anche l’utente appena iscritto potrà svolgere un’attività sensata ed efficace.

    Tutto questo grazie all’area social presente sulla piattaforma, un vero e proprio social network che permetterà di tener d’occhio altri utenti e scambiarsi consigli e dritte.

    Certo nemmeno i guru della finanza sono assolutamente infallibili, per cui copiare acriticamente ogni loro azione potrebbe esporvi ugualmente a qualche problema.

    Proprio per questo la piattaforma mette a disposizione uno strumento molto utile, lo Stop Loss, con cui si potrà settare una soglia superata la quale gli investimenti si bloccheranno in automatico, proteggendovi dunque da perdite eccessive.

    Questi strumenti non sono tuttavia pensati unicamente per i novizi. Il mondo del trading presuppone uno studio ed uno aggiornamento costante e l’area social di eToro è perfetta per rimanere sempre sul pezzo, seguire tutte le novità e confrontarsi continuamente con altri trader.

    Registrati adesso su eToro e prova il Copy Trading. Puoi iniziare ad investire su DAX30 con soli 100 euro di deposito minimo

    ForexTB: a scuola d’investimenti

    ForexTB nasce nel 2010 e si può dire senza paura di essere smentiti che da quel momento il mondo del trading cambiò totalmente.

    Fu infatti la prima piattaforma davvero accessibile a tutti, grazie soprattutto alla prima interfaccia davvero facile ed intuitiva da utilizzare.

    Tuttavia la caratteristica davvero fondamentale di questa piattaforma è un’altra.

    Si è già sottolineato l’importanza di una continua formazione e di uno studio meticoloso e costante che permetta i trader di rimanere sempre aggiornati, svolgendo quindi una buona attività d’investimento.

    Imparare i meccanismi intrinsechi ed estrinsechi del mercato può non essere semplicissimo per un utente novizio che magari non ha mai sentito parlare di titoli, indici etc.

    Di guide in grado d formare a dovere i nuovi aspiranti trader non ce ne sono molte, e quelle presenti possono costare anche migliaia di euro.

    Ebbene ForexTB fornisce una guida tra le migliori in circolazione (se non LA migliore) gratuitamente a tutti gli iscritti.

    Per dare un’idea dell’importanza di questa guida, basti pensare che, secondo analisti ed esperti del settore, se fosse messa in commercio invece che resa disponibile gratuitamente, questa avrebbe un valore di ben 3.000 dollari (disponibile qui in PDF GRATIS).

    L’offerta formativa di questa piattaforma non si esaurisce con la guida. Sono messi continuamente a disposizione una serie di segnali trading, redatti da analisti esterni tra i migliori del settore assolutamente essenziali per svolgere una buona attività di investimento.

    Realizza anche tu operazioni su DAX30 con la Guida gratuita di ForexTB. Puoi iniziare con soli 250 euro!

    Trade.com: novità nel mondo del trading

    Fino al 2017 difficilmente avremmo considerato Trade.com una delle migliori piattaforme in circolazione.

    La piattaforma era buona ma senza eccellere. Tuttavia negli ultimi due anni questo broker ha subito un massiccio restyling, tanto da farci anche dubitare che si tratti dello stesso sito.

    Il cambio di passo è stato eccezionale, tant’è che oggi ci troviamo di fronte un broker di valore assoluto, inserito a pieno diritto tra i leader del settore.

    I cambiamenti più importanti sono stati sul fronte tecnologico. Trade.com utilizza ben 2 diverse piattaforme, snelle e curate in ogni minimo dettaglio.

    La più interessante è indubbiamente WebTrader.

    Risulta assolutamente immediata e di semplice utilizzo anche per il più inesperto dei novizi, potendo contare su di un’interfaccia all’avanguardia, completa e veloce, con cui è possibile investire su più di 2100 diversi asset provenienti dai mercati di tutto il globo.

    Cosi che anche il più esigente e sofisticato tra i trader non potrà che rimanere pienamente soddisfatto dell’ampissima scelta offerta.

    Feature di Trade.com

    Tra le feature presenti, importantissima è TradingCube, con la quale è possibile visualizzare, confrontare ed analizzare diversi titoli con tanto di grafici di ogni genere in contemporanea, rendendo l’analisi strategica molto più semplice e celere.

    L’offerta, tuttavia, del broker non finisce qui.

    La varietà d’account disponibile è esagerata, così da adattarsi ad ogni tipologia di trader. Il deposito minimo disponibile è di appena 100 euro, cosicché non sarà un problema iniziare ad investire anche per i meno facoltosi.

    Tuttavia per gli utenti più esperti e compassati sono messi a disposizione account da 1.000, 10.000, 50.000 e 100.000 euro.

    Gli sforzi messi in atto dal team di sviluppo hanno dato sicuramente i loro frutti, e non sembra finita qui. Nelle intenzioni di quest’ultimi Trade.com subirà continuamente upgrade, tentando di sbaragliare completamente la concorrenza e diventare leader del settore entro pochi anni.

    Sfrutta anche tu la piattaforma WebTrader e investi su DAX30 con Trade.com con soli 100 euro di deposito minimo!

    Analizzare DAX 30: analisi tecnica ed analisi fondamentale

    Per investire in maniera consapevole su di un indice come DAX 30, è necessario compiere delle analisi strutturate così da mettere a punto una strategia che possa rivelarsi vincente.

    Esistono due tipi di analisi: analisi tecnica ed analisi fondamentale. Se è pur vero che molti analisti tendono a specializzarsi solo su un tipo di analisi, è sempre consigliato cercare di tenere presenti entrambe le tipologie di valutazione, che risultano spesso complementari.

    Leggi anche: Moneyfarm.

    Analisi tecnica

    Per analisi tecnica si intende la pratica di analizzare un titolo basandosi unicamente sui dati statistici, economici e grafici, in modo da prevedere i potenziali movimenti futuri dei titoli ed indici.

    L’analisi tecnica ha 3 principi fondamentali:

    1. Il mercato sconta tutto
    2. I prezzi si muovono nelle tendenze
    3. La storia si ripete

    Tenendo ben presenti questi principi fondamentali, gli analisti tecnici cercano di prevedere ed anticipare i movimenti futuri attraverso varie tecniche, per esempio ricercare i pattern di prezzo, o avvalendosi di indicatori ed oscillatori.

    Individuare pattern di prezzo ripetitivi è fondamentale per prevedere la continuazione di una tendenza per un titolo o una sua imminente inversione di tendenza.

    Gli indicatori e oscillatori sono strumenti utilizzati per determinare punti di svolta e punti di entrata o di uscita di una tendenza.

    Indicatori e oscillatori ne esistono di vari tipi, tuttavia i modelli più popolari sono:

    • Medie mobili: SMA/EMA
    • Bollinger bands (bande di Bollinger)
    • Gli oscillatori più popolari sono:
    • MACD
    • RSI

    Tutti questi strumenti sono assolutamente utili ma non possono certo definirsi oracolari. È necessario usarli con un pizzico di diffidenza critica poiché si tratta pur sempre di previsioni e, in quanto tali, saltuariamente fallibili.

    Analisi fondamentale

    A differenza degli analisti tecnici, coloro che fanno affidamento sull’analisi fondamentale non prendono in esame meri dati statistici, trend o pattern ripetuti nel tempo per prevederne lo sviluppo.

    L’analisi fondamentale prevede la considerazione di ogni tipo di accadimento rilevante circa l’azienda, come fattori geopolitici, politici ed ambientali.

    Tra questi, per esempio, l’imminente distribuzione dei dividendi potrebbe essere un segnale di un imminente calo in borsa per la società in questione.

    Fattori assolutamente fondamentali per compiere questo tipo di analisi sono il livello di inflazione o profitti di una società.

    DAX 30: conclusioni generali

    Tirando le somme possiamo affermare che investire oggi su l’indice DAX 30 è una buona soluzione, sia attraverso modalità tradizionali, sia attraverso CFD utilizzando piattaforme broker.

    L’indice si mostra saldo e coprendo molti settori diversi, difficilmente può incappare in trend negativi rilevanti.

    Investire attraverso CFD risulta, ad ogni modo, una scelta migliore poiché concede la possibilità di investire anche short, vendendo dunque allo scoperto e lucrando anche da possibili periodi negativi, che siano più o meno lunghi o anche giornalieri se non addirittura orari, dei titoli contenuti nel paniere.

     

    Il nostro voto
    Clicca per lasciare un voto!
    [Totale: 0 Media: 0]

    Ricevi aggiornamenti sui nuovi articoli in tempo reale, iscriviti gratuitamente adesso

    Lascia una risposta

    L'indirizzo email non verrà pubblicato.